Romagna acque, cresce l’utile


L’assemblea dei soci dell’azienda acquedottistica Romagna acque-Società delle fonti ha approvato il preconsuntivo di bilancio 2018 e il budget previsionale 2019. Il 2018 quantifica una produzione pari a 58 milioni e 634 mila euro, con un risultato, prima delle imposte, di 9 milioni e 879 mila euro circa, superiore di oltre un milione rispetto al budget e pari al 16,8% del valore della produzione. Il budget 2019 stima un valore della produzione di oltre 59 milioni e 760 mila euro e un utile di esercizio previsto in oltre 4 milioni e 910 mila euro. Per il triennio 2019-2021 l’assemblea ha approvato investimenti per circa 30 milioni. Avviata inoltre la verifica della possibilità di fare di Romagna acque un polo di aggregazione di tutti i beni del servizio idrico attualmente gestiti da Hera, ma di proprietà delle società degli asset presenti sul territorio romagnolo (Amir Rimini, Sis Riccione, Unica reti Forlì-Cesena, Area Ravenna e Team Ravenna). Una riorganizzazione che permetterebbe a Romagna acque di poter contare ogni anno, in prospettiva, su ulteriori risorse per investimenti pari a circa 10 milioni.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet