Per Aeffe ricavi in aumento e perdite ridotte nel primo semestre


rimini 5 settembre Il gruppo Aeffe ha chiuso il primo semestre dell’anno con una perdita netta dopo le imposte pari a 3,7 milioni di euro (con un miglioramento di 600mila euro rispetto al rosso registrato nello stesso periodo del 2012, ovvero 4,3 milioni). Stando a una nota diffusa dal gruppo – proprietario dei marchi Alberta Ferretti, Moschino, Pollini, Emanuel Ungaro e Cedric Charlier – i ricavi consolidati sono stati pari a 122,9 milioni (+1% a tassi di cambio correnti rispetto ai 121,6 milioni dei primi sei mesi del 2012). Il margine operativo lordo consolidato è stato pari a 7,3 milioni di euro (contro i 7,1 milioni del primo semestre 2012); il risultato operativo consolidato si è assestato intorno al milione (300mila euro nel periodo di riferimento). La situazione patrimoniale e finanziaria del gruppo al 30 giugno mostrava un patrimonio netto di 126,5 milioni di euro e un indebitamento di 97 milioni (rispetto ai 101,6 milioni di giugno 2012 e agli 87,9 milioni di Euro di fine anno). «L’incremento rispetto a dicembre 2012 – si sostiene nella nota – è dovuto sia alla stagionalità del business sia agli investimenti che si sono concentrati nel corso del primo semestre dell’anno; questi ultimi sono stati pari a 4,6 milioni di euro e si riferiscono principalmente ad opere su beni di terzi per migliorie che hanno interessato prevalentemente le ristrutturazioni delle boutique di Alberta Ferretti a Roma e a Londra e di Moschino a Roma». Nello specifico, per la divisione prêt-à-porter, l’Ebitda nel primo semestre 2013 è stato sostanzialmente in linea allo scorso esercizio risultando pari a 7,76 milioni di euro (pari al 7,9% del fatturato), rispetto ai 7,71 milioni del primo semestre 2012 (pari all’8% delle vendite). Per la divisione calzature e pelletteria, nel primo semestre 2013 l’Ebitda è stato negativo per 0,4 milioni di euro, rispetto all’Ebitda negativo di 0,6 milioni di euro del primo semestre 2012, con un miglioramento di 0,2 milioni di euro.Nel primo semestre 2013 le vendite in Italia, pari al 43% del fatturato consolidato, hanno segnato un progresso del 5,7% a 52,8 milioni di euro: «Siamo particolarmente soddisfatti dei risultati conseguiti in Italia nonostante l’evidente situazione di calo della domanda e le numerose sfide che sta affrontando il Paese», ha commentato il presidente esecutivo del gruppo, Massimo Ferretti. «Reagiscono bene anche i mercati del Middle e Far East e Giappone nei quali cresciamo, rispettivamente, di oltre il 12% e l’8% a cambi costanti e sui quali rimaniamo fortemente focalizzati. In quest’ottica prevediamo di aprire 10 ulteriori punti vendita in Cina nel secondo semestre. Durante la settimana della moda milanese, a settembre, festeggeremo tra l’altro i 30 anni del marchio Moschino, con iniziative ad hoc che ci attendiamo possano vivacizzare l’atmosfera specialmente presso la nostra rete di boutique monomarca on-line e off-line».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet