NASCE LO “SPORTELLO CREDITO” CONFINDUSTRIA RIMINI


RIMINI 4 SETTEMBRE Dai primi segnali della crisi internazionale che dalla fine del 2008 ha inevitabilmente colpito anche la nostra provincia, Confindustria Rimini ha avviato un’intensa attività per affiancare le imprese e facilitarne l’accesso al credito. E’ nell’ambito di questo percorso che nasce lo “Sportello Credito Confindustria Rimini”, uno strumento che si pone l’obiettivo di facilitare il rapporto fra istituti di credito ed imprese. Indirizzato alle imprese associate a Confindustria Rimini, il progetto vede coinvolte 13 banche (Banca Carige Spa, Banca Carim Spa, Banca di Rimini, Banca Malatestiana, Banca Monte dei Paschi di Siena Spa, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banca Popolare Valconca, Banco Popolare, BCC Romagna Est, BCC Valmarecchia, Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, Deutsche Bank Italia, Unicredit Banca). In primo luogo le imprese, sulla base di un elenco di informazioni condiviso con le banche, possono contare sul perfezionamento della pratica tendente alla concessione di un finanziamento in tempi definiti e il più celeri possibile. Le informazioni riguardano, ad esempio, la situazione economico finanziaria e patrimoniale aziendale (bilanci completi degli ultimi 3 anni e bilancio infrannuale; la posizione debitoria (elenco banche e società di leasing con cui si opera); l’analisi del capitale circolante (elenco principali clienti e fornitori e tipologia, condizioni incasso e pagamento); le informazioni qualitative (storia dell’azienda, assetto societario e di governance, struttura organizzativa, descrizione prodotti/servizi dell’azienda, mercati di riferimento (Italia/estero), piano investimenti, ecc.). Inoltre, viene individuata la figura di un “facilitatore” da parte di ogni singolo istituto bancario che, confrontandosi con la struttura di Confindustria Rimini, sarà il punto di riferimento per informazioni sullo stato delle pratiche delle aziende associate e, se possibile, per accelerare la definizione delle stesse. Con ogni singola banca verranno poi definite le modalità per promuovere tutti quegli strumenti utili alle imprese per migliorare la propria situazione finanziaria (es: moratoria e allungamento dei debiti, anticipazione dei crediti nei confronti della P.A., finanziamenti con provvista BCE e CDP a condizioni favorevoli per le imprese, ecc.) anche con l’eventuale supporto del Confidi Romagna e Ferrara che ha partecipato ai lavori per la costituzione dello Sportello Credito Confindustria Rimini.“Il superamento del “credit crunch” – spiega il Presidente di Confindustria Rimini, Maurizio Focchi – resta il tema centrale per la sopravvivenza delle imprese, ma i nostri associati continuano a segnalare una restrizione del credito. Riteniamo quindi che operazioni come questa siano utili per migliorare i rapporti banca-impresa facilitando l’accesso a quelle risorse finanziarie che in questo momento sono sempre più preziose. Risorse che devono poter generare altra ricchezza, permettendo alle imprese sane di svolgere la loro azione fondamentale di crescita e tutela del benessere economico e sociale di tutto il territorio”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet