Riuscito lo sciopero alla Lidl: “La condotta dell’azienda è antisindacale”


REGGIO EMILIA, 20 GIU. 2009 – Pienamente riuscito lo sciopero proclamato per oggi dalla Filcams Cgil di Reggio Emilia alla Lidl di via Picard, per difendere i diritti e riaffermare la dignità dei dipendenti. All’iniziativa di mobilitazione ha aderito circa l’80% degli addetti. Oltre ai lavoratori e alle lavoratrici, hanno partecipato al presidio anche i funzionari sindacali confederali e di categoria.Si sono registrate serie difficoltà alla gestione delle vendite e qualche disagio alla clientela, informata delle ragioni dell’agitazione da un grande lenzuolo sul quale era scritto: “Caro cliente prima pulisco il wc poi ti batto la spesa”.Ancora una volta, infatti, i lavoratori e le lavoratrici della Lidl di Reggio Emilia hanno dovuto scioperare contro l’atteggiamento arrogante e provocatorio dell’Azienda che continua a “comandare” le  attività di pulizia dei bagni, delle vetrate, del parcheggio (nonostante le sentenze ad essa  sfavorevoli) e contro il non riconoscimento del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).L’Azienda – dopo quattro mesi – ha contestato e non riconosciuto l’elezione dell’RLS con una  interpretazione pretestuosa del concetto di “unità produttiva”.Gli studi legali del sindacato sono pronti a ricorrere al Giudice con provvedimento d’urgenza per “condotta antisindacale”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet