Risparmio energetico, Camst si conferma azienda virtuosa


 

Una riduzione del consumo di energia elettrica pari al 7%, un risparmio di gas metano del 14% e di acqua del 7%. Nell’ultimo anno Camst, azienda leader nella ristorazione collettiva e commerciale con oltre 11.000 dipendenti in tutta Italia, è riuscita a risparmiare una quantità di energia elettrica pari a quella consumata da 6.700 lampadine da 40w che restano accese 24 ore su 24, a ridurre l’emissione di una quantità CO2 pari a quella assorbita da 57000 alberi e ha ridotto l’uso di tanta acqua quanta ne serve per riempire 8 piscine olimpioniche profonde 20 metri. Come può un’azienda di ristorazione contribuire a ridurre i consumi e l’inquinamento ambientale? Camst l’ha fatto coinvolgendo centinaia di figure aziendali, dagli ingegneri ai cuochi, dai commerciali ai baristi, che insieme hanno elaborato e diffuso in tante strutture tra cucine, self-service, uffici e altri locali commerciali la cultura del risparmio energetico. La riduzione del consumo di energia, gas e acqua è stata possibile grazie alla diffusione di buone pratiche tra i lavoratori, l’uso e la gestione responsabile di locali, impianti e attrezzature e apportando piccole modifiche e migliorie per aumentarne l’efficienza, oltre alla realizzazione di interventi importanti come l’apertura di nuovi locali, ristrutturazioni e in generale modifiche e migliorie strutturali.

Fra gli obiettivi di Camst. La ristorazione Italiana, vi è altresì quello del coinvolgimento del proprio personale: proprio in occasione di M’illumino di Meno 2015 Camst lancia, infatti, la campagna di comunicazione interna ed esterna “SU UNA COSA FATTA BENE LASCIAMO LA NOSTRA IMPRONTA (ECOLOGICA)”. La campagna mira a diffondere la cultura della responsabilità ecologica attraverso l’utilizzo di buone pratiche nello svolgimento delle attività quotidiane di ogni lavoratore, così da ottimizzare e razionalizzare il consumo di energia. Inoltre, poiché quello del risparmio energetico è un valore che deve universalmente riconosciuto, il messaggio è rivolto anche ai clienti. La campagna sarà veicolata in 165 locali di ristorazione in tutta Italia attraverso locandine e riepilogativi delle buone pratiche ecologiche (stampati su carta certificata FSC) e altri supporti dove saranno indicate, come memorandum, le azioni che consentono un buon utilizzo dei macchinari e impianti all’interno delle strutture di produzione. In questo modo, Camst vuole contribuire ad aumentare la consapevolezza dell’importanza del risparmio energetico, ridurre le emissioni e tutelare l’ambiente, col fine di viverlo meglio nel presente e lasciarlo nelle migliori condizioni possibili per le generazioni future.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet