Rinnovato il contratto integrativo aziendale di Furla


Si è tenuto ieri il referendum di consultazione dell’ipotesi di accordo stipulata in Furla spa in sede di rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale. Il voto espresso a scrutinio segreto ha approvato l’ipotesi con il 100% dei consensi. L’intesa prevede, fra l’altro, un incremento del premio di produzione aziendale per i lavoratori inquadrati fino al 3° livello del contratto del commercio ed il mantenimento di quanto già previsto per i livelli superiori. Si tratta di un premio importante che di fatto in questi anni ha erogato annualmente una mensilità aggiuntiva.

 

 

Questo rinnovo conferma che la riduzione del costo del lavoro e dei diritti dei lavoratori (come ad esempio le pause retribuite, la carenza di malattia, le agibilità sindacali, tutte confermate in questo rinnovo contrattuale e migliorative rispetto CCNL) non sono propedeutici al miglioramento delle performance aziendali. Furla spa, azienda leader del Made in Italy e fortemente legata al territorio bolognese, ha fatto dell’innovazione e della qualità del prodotto offerto attraverso una politica di investimenti, il suo tratto distintivo, insediandosi in nuove realtà nazionali ed internazionali. Questo assetto contrattuale, non sarà applicato solamente ai lavoratori occupati presso la sede storica di San Lazzaro di Savena ma a tutti i dipendenti dei punti vendita italiani, e per la parte premiante, anche a quelli internazionali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet