Rimos chiude bene il primo semestre


Un bel segno più registrato nel primo semestre del 2015: “Con la naturalità e l’autocura andiamo nella direzione giusta” ha dichiarato soddisfatta Maria Nora Gorni, AD della Ri.Mos di Mirandola, presentando numeri decisamente positivi, insieme ad un report con le ultime attività e i progetti messi in campo in Italia e all’estero per la distribuzione di Holoil, medicazione autonoma e multifunzionale che favorisce la rigenerazione e la riparazione delle lesioni tessutali esterne attraverso le proprietà naturali dell’Iperico e del Neem. “Da gennaio a giugno 2015 – continua la Gorni – l’incremento di fatturato per il nostro Holoil è stato del 21,6%, mentre abbiamo raggiunto un +30% con Hypermix, che è il prodotto corrispondente in ambito veterinario, dedicato ad animali domestici, esotici e cavalli non DPA.. Il campo d’azione di Holoil è molto vasto (abrasioni, herpes, emorroidi, micosi, punture d’insetti, afte, ulcere da pressione, lesioni vascolari, anche diabetiche) e i feedback dei consumatori sempre più numerosi e positivi, spesso anche documentati da immagini, dei veri e propri “diari di rigenerazione” delle ferite. Ma sono i dati economici che ci danno quella certezza di cui abbiamo bisogno per continuare ad investire sulla naturalità e la diffusione del nostro marchio in Italia e nel mondo”. Il 2015 per Holoil è un anno denso di novità. Intanto un sostanzioso consolidamento della forza vendita, volto a raggiungere una maggiore penetrazione nel canale farmacia/erboristeria/parafarmacia. Poi una novità di prodotto che deriva dall’analisi delle esigenze dei consumatori, l’inserimento del nuovo confezionamento da banco, una fiala singola richiudibile in formulazione gel da 5 ml, al prezzo di 4,50 euro: economico e pratico perchè ‘apri e chiudi’, Ri.Mos lo considera oggi il fiore all’occhiello della gamma Holoil, un buon incentivo a provarlo e tenerlo sempre con sè come soluzione a piccoli e grandi inconvenienti della pelle. Stessa operazione per Hypermix: nuovo confezionamento fiala singola richiudibile, in confezioni da 5 e 10 fiale, imbustate singolarmente. Il 2015 è anche l’anno dell’apertura del primo centro di informazione gratuita Holoil: è a Ravenna ed è gestito da personale specializzato (infermiere professioniste e Oss), per offrire informazione e consulenza al pubblico. E per quanto riguarda gli investimenti in visibilità e in pubblicità, occasioni di incontro con operatori di settore e grande pubblico? “Stiamo investendo in testate di settore e in quotidiani locali per spingere l’apertura del centro ravennate, che proporrà anche momenti di approfondimento su tematiche legate all’autocura, al diabete, a tutto quello che giraintorno al mondo Holoil – spiega Maria Nora Gorni – e continueremo ad essere presenti a convegni medici nazionali ed internazionali, ma anche a nuovi eventi dedicati al grande pubblico e alla vita all’aria aperta, una delle situazioni ottimali per l’uso di Holoil e Hypermix”. Prossimi impegni nelle kermesse internazionali: MEDICA, Duesseldorf 16-19 novembre 2015 e Arab Health, Dubai, 25-28 gennaio 2016. E come Holoil non è una scelta esattamente convenzionale per il consumatore, così l’azienda si pone e comunica in modo ‘originale’, anche rispetto molti competitor: è il caso della partnership con la prima ZombieRun italiana, una ‘maratona-parata’ costituita da sportivi vestiti e truccati da zombie organizzata la scorsa primavera presso il Parco Avventura JEC di Campogalliano (MO): un modo autoronico per parlare di lesioni e proporre delle soluzioni. La spinta di Ri.Mos verso l’estero prosegue con nuove registrazioni in corso: Bahrain, Iran, Libano, Malesia, Pakistan, Qatar, Myanmar, Algeria, Angola, Burkina Faso, Turkmenistan, Brasile, Colombia, Panama e Venezuela. Prosegue anche il lavoro di formazione e training dei distributori contattati durante i recenti impegni in terra straniera (fiera di Dubai Arab Health gennaio 2015 e Africa Health, Sudafrica, maggio 2015) e provenienti da Mali, Kenya, Marocco, Camerun, Zimbabwe. La presenza di Ri.MosMos in Africa, iniziata nel 2014, si è intensificata nel 2015, di pari passo con il crescente sviluppo demografico ed economico del Continente, specie nelle aree subsahariane. L’approccio condiviso dai distributori locali e dall’azienda modenese è quello dell’impresa etica, incentrato cioè sulla formazione del personale locale, a sostegno dello sviluppo dell’imprenditoria e del commercio nei singoli territori. Sono attive inoltre dal 2015 le collaborazioni con Russia e Lussemburgo. In particolare, il distributore del Lussemburgo ha organizzato per i mesi di giugno e luglio un tour in 20 farmacie per presentare e promuovere le due linee Hyperoil e Hypermixvet.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet