Rimini: allungare la stagione balneare


Prolungare l’attività balneare oltre la metà di ottobre. Ma senza invocare ‘soluzioni’ drastiche come quella del sindaco di Forte dei Marmi, che è tornato a chiedere al ministero dell’Istruzione di posticipare l’avvio dell’anno scolastico a ottobre (e a cui il ministro ha risposto di no). E’ quanto scrive, in una nota, il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi. “Già altre località turistiche stanno valutando questa possibilità, si veda ad esempio la vicina Regione Marche – aggiunge – che già ad inizio agosto ha invitato i comuni a valutare la possibilità di un’eventuale proroga della stagione. Proroga – prosegue Gnassi – che ovviamente richiede il parere positivo e la volontà delle categorie direttamente coinvolte. Se gli operatori riterranno che questa possa essere una scommessa su cui puntare – chiosa – come Amministrazione non ci tireremo indietro”. Guardando alla stagione vissuta sino ad ora, osserva il primo cittadino riminese, “ci siamo appena lasciati alle spalle un lungo e intenso weekend di Ferragosto, che nonostante le cassandre e nonostante la costante incertezza del meteo, ci ha regalato ancora una volta un ottimo risultato dal punto di vista del riscontro turistico: ‘pienone’ per il fine settimana e buoni segnali anche per i prossimi giorni e la fine del mese di agosto”. Quanto a settembre, aggiunge Gnassi, “promette di essere turisticamente fruttuoso come negli ultimi due anni. Rimini ha già imboccato da tempo la strada della destagionalizzazione, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti, e su questo percorso si è intenzionati a proseguire”. Ad ogni modo, puntualizza ancora, “questo non significa dimenticare quanto sia fondamentale la spiaggia, che resta il nostro cuore pulsante: è il nostro valore aggiunto e lo potrebbe essere anche oltre alla canonica ‘scadenza’ dell’attività balneare, che mai come in questa travagliata estate rappresenta una ‘dead line’ che molti vorrebbero allontanare. Non ci nascondiamo: dopo il luglio più piovoso da oltre un decennio e un agosto migliore, ma ancora instabile, la speranza è quella che si possa contare su una ‘coda’ di stagione meteorologicamente più gratificante. Rimini – chiosa Gnassi – del resto, non si ferma neppure a settembre, vedi MotoGp, Festival francescano o Blogfest, e sarebbe importante far trovare agli ospiti che arriveranno il ‘pacchetto completo’: ovvero una città attrattiva e una spiaggia fruibile al 100% delle sue potenzialità”.

 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet