Rifiuti, Emilia Romagna regione ‘riciclona’ di carta


BOLOGNA, 10 AGO. 2012 – In Emilia-Romagna nel 2011 sono state raccolte più di 372.000 tonnellate di materiale cellulosico, pari a 85,8 kg per abitante. Un aumento dell’uno per cento rispetto all’anno precedente che conferma il primato nazionale della regione in tema di carta e cartone. Che gli emiliano romagnoli siano ‘ricicloni’ di derivati della cellulosa lo dice il diciassettesimo rapporto stilato da Comieco, il consorzio nazionale del recupero e del riciclo degli imballagi a base cellulosica.Tra le provincie, Rimini fa registrare il procapite più alto con oltre 128 kg/ab. Seguono, Piacenza con oltre 112 kg/ab e Forlì con 108 kg/ab. Più distaccate ma comunque su alti livelli, con medie superiori a quella nazionale (pari a 50,6 kg/ab), Ravenna (97 kg/ab), Modena (92 kg/ab); Reggio Emilia (89 kg/ab); Parma (74 kg/ab); Ferrara (63 kg/ab) e Bologna (59 kg/ab).Grazie alla raccolta differenziata di carta e cartone, l’Emilia Romagna ha potuto beneficiare di notevoli vantaggi economici: "Solo nel 2011 – commenta Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco – il sistema Comieco ha trasferito ai comuni della Regione oltre 8 milioni di euro come corrispettivo per i servizi di raccolta organizzati".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet