Ricerca e sviluppo, come ottenere le agevolazioni fiscali


REGGIO EMILIA, 15 GEN. 2009 – Martedì 20 gennaio alle ore 15 al Classic Hotel l’Associazione Piccole e Medie Industrie di Reggio Emilia, in collaborazione con Progesa & Partners, organizza un incontro per conoscere tutte le novità in materia di credito d’imposta relativo alle attività di ricerca e sviluppo. Il convegno rappresenterà un momento di formazione e di confronto, volto a chiarire i dubbi generati dalle recenti modifiche legislative e favorire un corretto espletamento delle domande nei termini imposti dalla normativa. Il programma prevede il saluto di Giannicola Albarelli, Componente di Giunta API delegato a Credito e Finanze, seguito dall’introduzione di Lucia Vergalli, Ufficio Economico API, e la relazione di Matteo Rizzi di Progesa & Partners su “Le novità in materia di Credito d’Imposta per la Ricerca e Sviluppo”. Verrà quindi aperto il dibattito. "Diversi sono gli aspetti da approfondire che non possono trovare gli imprenditori impreparati e come sempre l’Associazione è in campo al loro fianco per dare informazioni chiare e precise – spiega Giannicola Albarelli, Componente di Giunta API delegato a Credito e Finanze – L’incentivo ad esempio, a differenza dell’anno passato, non avrà più carattere automatico, ma sarà subordinato alla presentazione di una domanda in via telematica attraverso uno specifico prodotto gestionale, che sarà disponibile a partire dal 22 gennaio. E’ stato infatti approvato il 29 dicembre scorso (tramite un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate) il formulario modello Frs, previsto dall’articolo 29 del Decreto Anticrisi. Il modello dovrà essere utilizzato con riferimento ai progetti d’investimento sia passati che futuri. Per fruire del credito d’imposta, quindi, i contribuenti interessati devono presentare in via telematica all’Agenzia delle Entrate, direttamente o tramite soggetti abilitati tra cui appunto API, il formulario contenente i dati degli investimenti per i quali si richiede l’agevolazione, a partire dalle ore 10 del 28 gennaio”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet