Riccione Preview apre le porte della casa del futuro


RICCIONE (RN), 22 APR. 2010 – Non c’è solo la moda al centro di Riccione Preview, l’evento realizzato da Cna Federmoda in collaborazione con l’amministrazione comunale riminese. Venerdì 23 aprile a farla da protagonista è l’arredamento, con la mostra “La Casa del III Millennio", allestita presso villa Mussolini. Un’iniziativa nata dalla collaborazione con la Cna di Prato  che da anni promuove un Concorso rivolto a un nuovo modo di abitare etico e che coinvolge design e imprese. Non a caso il sottotitolo della mostra è "La nuova estEtica del vivere".Nelle sale saranno esposti i prototipi dei migliori progetti presentati all’ultima edizione del Concorso assieme alle creazioni di rinomati Brand che operano e fanno ricerca con la medesima filosofia. Si avrà modo di ammirare la collezione outdoor di 13 ricrea, il Marchio tutto al femminile, che realizza arredi reinterpretando sapientemente materiali inutilizzati dall’industria. Si vedranno i tessuti, gli abiti e gli accessori di YOJ, il Brand di Laura Strambi che del bio-eco-compatibile ha fatto la sua peculiarità con una ricerca volta a coniugare fibre tessili nobili e naturali a forme pure e innovative. L’altro ospite dell’esposizione è MOMABOMA, il Marchio che ha reso il riciclo un’espressione artistica di design e ha fatto delle sue creazioni, di forte interesse estetico e intenso richiamo emotivo, un efficace strumento di comunicazione. La Casa del III° Millennio presenta le espressioni di un approccio etico innovativo e responsabile del design al nostro habitat e alle modalità del nostro vivere, sulla base delle 3 "R" sostenibilità: Risparmio nelle fasi di produzione e nell’impiego dei materiali, Riciclo di materie prime o scarti di produzione, Riuso e flessibilità funzionale degli elementi. Il percorso tra le sale di Villa Mussolini, costituirà di fatto una visita in una abitazione interamente corredata da soluzioni 3R, nei mobili e negli arredi, ma anche negli abiti e negli accessori moda che la abiteranno e che attestano l’innegabile virtuosismo creativo e produttivo del Made in Italy. La mostra è stata allestita a cura dell’architetto Salvatore Re in collaborazione con l’architetto olandese Frist Van Dongen e sarà  aperta al pubblico fino al 30 maggio 2010. 


Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet