ALLA FIERA DI RIMINI ECOMONDO c’è la quarta edizione di Cooperambiente


RIMINI 9 NOVEMBRE La quarta edizione di Cooperambiente, la fiera leader del mondo cooperativo dedicata alla sostenibilità energetica, all’ambiente e alla green economy, organizzata da Legacoop, in collaborazione con la Fiera di Rimini, si terrà all’interno della quindicesima edizione di Ecomondo, uno dei principali appuntamenti in Europa sui temi dell’energia e dell’ambiente, dal 9 al 12 novembre, nel padiglione B5.
 
A CooperAmbiente 2011 saranno presentate tutte le migliori e più innovative tecnologie, dalle case ecosostenibili, ai servizi e alla gestione del ciclo dei rifiuti e della raccolta differenziata, alla produzione di energie rinnovabili, le politiche per il risparmio energetico della grande distribuzione cooperativa e molto altro ancora.

CooperAmbiente 2011 costituisce una tappa determinante per lo sviluppo del mercato delle nuove tecnologie destinate a giocare un ruolo fondamentale nell’ambito di un processo globale di riduzione delle emissioni di gas serra. In un momento in cui la sostenibilità ambientale detta le nuove scelte globali dell’economia, l’investimento nell’innovazione tecnologica diventa lo strumento essenziale per il rilancio dell’impresa.

I convegni di Cooperambiente affrontano e approfondiscono, con un ampio programma di seminari e corsi di formazione, i principali temi di attualità posti dall’utilizzo delle nuove tecnologie e normative, per creare una sinergia tra espositore e visitatore.
 
Nelle prime tre edizioni di CooperAmbiente hanno partecipato circa 300 cooperative che hanno occupato ogni anno oltre 1.000 mq. Nel 2010 si è tenuta la prima edizione del Forum “I nostri comuni futuri”, promosso da Legacoop, Conai, Fiera di Rimini, Legambiente e Regione Emilia-Romagna e organizzato dallo Studio Ambrosetti, mentre sul Palco di CooperAmbiente e nelle sale della Fiera si sono tenuti diversi eventi e convegni, oltre alla premiazione delle cooperative attente alle tematiche ambientali ed energetiche, alla presenza di più di 1.500 visitatori.
 
Ambiente ed energia: le cooperative per una gestione partecipata ed efficiente dei beni comuni
 
Il tema dell’energia e dell’ambiente, è tornato, quest’anno, di grande attualità a seguito del terribile incidente avvenuto nella centrale nucleare di Fukushima e della straordinaria partecipazione ai referendum del giugno scorso. È evidente che su questi temi il mondo, ed in particolare l’Italia, è cambiato. Difficile pensare, infatti, che tutto torni come prima, sia per la gestione dell’acqua, che per la produzione di energia elettrica. Più verosimilmente si aprirà un grande dibattito sugli scenari futuri e le scelte da fare con la ratio di trovare decisioni socialmente condivise, in tempi brevissimi. Le tre crisi -economica, finanziaria e ambientale- riducono drammaticamente e notevolmente i tempi per prendere delle decisioni e agire. Serve però una weltanschauung basata su uguaglianza ed efficienza per creare un nuovo sviluppo, dove il protagonismo e la partecipazione dei cittadini sia reale.
 
CooperAmbiente è un momento in cui le cooperative, oltre a mostrare le loro esperienze ed eccellenze nel campo ambientale ed energetico, immaginano un futuro dove i cittadini, in forma cooperativa gestiscono i cosiddetti “beni comuni”: dall’energia all’acqua, dai trasporti al territorio.
Dal punto di vista energetico il modello basato sulle fonti fossili e sulla verticalizzazione della catena produttiva – distributiva è sfidato da un nuovo modello basato sulla energie rinnovabili distribuite.
Se attraverso l’uso della tecnologia digitale si riuscisse a collegare e far collaborare i consumatori di energia, rendendoli al contempo anche produttori, si potrebbero accelerare i processi virtuosi per un maggiore efficientamento del sistema energetico globale diminuendo i rischi connessi all’uso dell’energia, e cioè l’inquinamento, cambiamenti climatici, guerre e polarizzazione dei fenomeni di sviluppo con relativa crescita delle diseguaglianze.
In questo contesto, il movimento cooperativo può dare il suo contributo, basato sui 150 anni di “esperienza sul campo” e, soprattutto, sulla sua versatilità a coniugare partecipazione, democrazia, efficienza ed uguaglianza.
 
La cooperazione di utenza nel mondo contribuisce a rendere SMART il consumatore utente, facendolo collaborare a raggiungere in forma mutualistica un determinato obiettivo (casa, salute, beni di consumo, tlc, energia, etc.) con maggior efficienza che non muovendosi individualmente sul mercato.
Con questo intento Legacoop, insieme ad IBM e Indesit, hanno deciso di allestire nello spazio COOPERAMBIENTE la SMART CITY, una mostra di oggetti innovativi ed energeticamente efficienti: dalla tegola fotovoltaica ai chip per controllare i consumi elettrici, dallo scaldabagno alla pompa di calore.
I visitatori potranno interagire con gli strumenti, che consentono di attivare e monitorare gli elettrodomestici e molti degli apparecchi elettrici presenti nelle abitazione, e verificare così il funzionamento di una smart home. 

Per maggiori informazioni visita il sito 
www.cooperambiente.coop oppure www.ecomondo.comPremio CooperAmbiente
È ancora possibile partecipare al Premio 
 
Main Sponsor: UNIPOL Banca
Sponsor: CCPL, CEFLA, CONAD, COOP, COOPFOND, CPL Concordia, GASMAN, MANUTENCOOP, OBIETTIVO LAVORO

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet