RI 21 /3/2011 DECAFOOD : + 20% il giro d’affari nel 2010


rimini 21 marzo . Decafood – società italiana attiva nel settore della fornitura di prodotti e attrezzature per il mondo dei bar – ha chiuso il bilancio 2010 al suo sesto anno di attività con un aumento del 20% del giro d’affari rispetto all’anno precedente, portando il fatturato ad un valore prossimo ai 3 milioni di euro. Un risultato positivo – nonostante la perdurante crisi che investe il settore – determinato ancora una volta dai trend positivi delle vendite dei “cavalli di battaglia” dell’azienda, ovvero la caffetteria e le creme calde e fredde (l’area principale che genera circa il 40% del fatturato). Un successo che è andato ben oltre le aspettative è stato ottenuto dai piatti pronti fuori frigo a marchio Trattoria dalla Caterina e dalle bevande Aloe Vera Drink, le due novità lanciate proprio all’inizio del 2010. Prodotti che hanno ampliato ulteriormente il listino nell’area food & beverage, portandolo ad oltre 100 referenze. Sviluppo all’estero e nuovi prodotti per l’estate 2011 Nei piani di sviluppo dell’azienda – che commercializza i propri prodotti avvalendosi di un network di distributori oltre ad una rete commerciale propria di agenti coordinati da 4 capi area – è stata dichiarata la volontà di raddoppiare il fatturato entro i prossimi due anni anche grazie allo sviluppo della presenza all’estero. La società infatti ha costituito di recente una filiale in Germania a Francoforte e oggi è già presente in 8 Paesi europei. Un forte impulso alle vendite verrà dato anche dal lancio – programmato per l’estate 2011 – di tre nuove linee di the, caffè e cioccolata. A livello di comunicazione inoltre, è stata pianificata come negli anni precedenti una campagna di advertising sulle maggiori testate del settore Horeca e ristorazione, oltre alla presenza alle fiere MIA (Mostra Internazionale dell’Alimentazione), Sigep (Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria e Panificazione Artigianali), Pianeta Birra di Rimini e Tirreno CT (Mostra convegno dell’ospitalità) di Massa Carrara.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet