Retismed: il medicaletra ricerca e innovazione


BOLOGNA, 18 MAG. 2012 – Si chiama Retismed, Rete Medicale dell’Innovazione, e ormai da un anno riunisce 7 imprese regionali del settore con lo scopo di aggregarle, fare economie di scala, promuovere la loro internazionalizzazione attraverso la individuazione di buyer e partnership e la partecipazione a fiere. E’ la ricetta messa in campo da Cna Emilia Romagna, supporter del network fin dalla sua nascita, a sostegno del comparto dei dispositivi medici, che rappresenta il 5,8% del totale della spesa sanitaria e costituisce il terzo mercato in Europa. Un comparto che nel 2011 ha accelerato le vendite all’estero del 14,4% anche grazie a una continua attenzione a ricerca e innovazione.Forte dello sviluppo di relazioni con il mondo universitario e di contatti con importanti ricercatori, Retismed ha avviato anche una serie di progetti. Uno di questi verrà presentato in un workshop in programma sabato 19 maggio nell’ambito di Exposanità 2012. Si chiama “Dal sangue la rigenerazione ossea dei tessuti” e rappresenta un grande passo avanti nel campo della medicina rigenerativa e dell’ingegneria dei tessuti.L’attività di Retismed è già importante, ma comunque solo all’inizio. Ed è proprio per fare un ulteriore passo avanti che Cna avanza richieste ben precise al sistema accademico e a quello istituzionale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet