Rete Imprese: “Su Imu serve di più”


“Anche le puntuali elaborazioni della CGIA di Mestre sull’Imu applicata ai capannoni danno conto del buon lavoro fatto a Modena grazie alla fruttuosa discussione che Rete Imprese ha avuto in particolare con l’ex Assessore al Bilancio Giuseppe Boschini. Va però detto che siamo a metà dell’opera, perchè va proseguito il percorso intrapreso negli ultimi due anni per sgravare le Pmi di un carico fiscale che sul fronte Imu è ancora pesantissimo”. Così esordisce la nota di Rete Imprese città di Modena, sigla sotto il cui cappello sono riunite Lapam-Confartigianato, Confcommercio-Fam, Confesercenti e Cna, in merito ai risultati delle analisi condotte dalla CGIA di Mestre sull’Imu applicata in diverse città italiane. “In vista della predisposizione del progetto di bilancio comunale – osserva Rete Imprese – crediamo sia essenziale riprendere il filo del dialogo con l’Amministrazione Comunale per ragionare su quali ulteriori misure di contenimento della fiscalità sulle imprese modenesi possano essere messe in campo. Non deve essere dimenticato che nel 2012, con il passaggio all’IMU, l’imposizione sugli immobili produttivi in non pochi casi è quasi raddoppiata. Ed a ciò va aggiunto il fatto che negli ultimi due anni è arrivata un’ulteriore mazzata, rappresentata dall’incremento complessivo della Tares attorno al 17%”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet