Research to business, il futuro dell’innovazione è qui


BOLOGNA, 8 GIU. 2011 – Studiare degli affari che servono a fare affari. Nel senso di trovare delle invenzioni che poi una volta applicate portano grandi ricavi alle aziende. Di questo si parla l’8 e il 9 giugno a Bologna Fiere. Più precisamente al salone R2B (Research to business), manifestazione espositiva dedicata alle innovazioni industriali. Quest’anno l’appuntamento è arricchito anche dalla collaborazione con Smau Business, l’evento dedicato alle tecnologie informatiche e digitali. In tale settore è stato conferito il Premio Innovazione ICT Emilia Romagna a imprese che si sono distinte per progetti legati alle nuove tecnologie. Il riconoscimento è andato a Valmex, Corradini, Eridania Sadam, Gruppo Essepienne, Prima Industries e Lamborghini.A tagliare il nastro del salone c’era il presidente della Regione Vasco Errani che ha sottolineato "la soddisfazione della strada che abbiamo intrapreso nell’ambito dell’innovazione". "Qui – ha continuato Errani riferendosi al salone R2B – l’80% degli espositori è laureato, la stragrande maggioranza è sotto i 35 anni. Questo è un luogo che inizia a rappresentare una certezza, si vede che ricerca e sviluppo non sono solo parole. Ma non dobbiamo sederci sugli allori. Dobbiamo continuare a lavorare sul tema dell’innovazione e della tecnologia. Abbiamo fatto cose importanti come la riforma dell’istruzione professionale e il rilancio degli istituti tecnici". "Questa iniziativa – ha detto l’assessore alle attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli, durante il convegno ‘Europa 2020: dagli scenari globali alle politiche’ – rappresenta bene le idee guida del governo regionale. Politiche che siano da stimolo alla creatività e che forniscano strumenti per metterle in pratica. Made in Italy e green economy possono essere due marchi di questa regione".Tra gli appuntamenti principali, il 9 giugno spazio a ‘Start up e chief technology officer nei processi di trasferimento della conoscenza’, in collaborazione con Confindustria Emilia-Romagna, Pni Cube e Microsoft. Moltissime le novità presenti negli stand degli espositori, dalle tecnologie più all’avanguardia nel campo dei videogames, primo fra tutti il tridimensionale, a quelle dedicate alla medicinacon un simulatore d’intervento chirurgico e una macchina per la riabilitazione motoria. Tra gli strumenti all’avanguardia i nuovi scanner laser 3d per l’industria e nuove tecnologie per la rilevazione dei batteri nocivi negli alimenti. Ritrovato che sono di estrema attualità visto la paura che sta seminando in Europa il batterio killer E Coli.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet