Regione: nel 2016 sostegno alle imprese per quasi 300 milioni


Nel 2016 la Regione Emilia-Romagna ha finanziato interventi a sostegno delle imprese per 291,2 milioni di euro suddivisi nei seguenti settori: 98,7 milioni per rafforzare la competitività delle imprese attraverso la ricerca e l’innovazione; 20,4 milioni per sostenere i processi di internazionalizzazione; 59,6 milioni per la digitalizzazione delle imprese; 25 milioni per l’attrattività; 53,5 milioni per il credito alle aziende; 34 milioni per la green industry (l’industria sostenibile). E’ quanto spiega l’assessore alle Attività produttive, Palma Costi, in un’informativa alla commissione Politiche economiche, presieduta da Luciana Serri, in merito alle politiche regionali a favore delle imprese. L’obiettivo dell’Amministrazione regionale – aggiunge l’assessore – è “rafforzare il settore manifatturiero regionale, molto vivace, ad eccezione del comparto dell’edilizia, sostenendone la competitività attraverso ricerca e innovazione, mediante la promozione dell’internazionalizzazione e dell’attrattività di imprese ad alta intensità di ricerca e occupazione e favorendo l’accesso al credito e alla digitalizzazione delle piccole e medie imprese nonché il microcredito e le start up”. Tommaso Foti (Fdi-An) ha chiesto “i dati degli interventi finanziati dalla Regione suddivisi per provincia, al fine di verificare l’effettivo interesse dei territori per i bandi regionali, dato che province come Piacenza sembrano nel complesso escluse dai finanziamenti”. Massimiliano Pompignoli (Ln) ha evidenziato come “tra il numero di domande accolte e quelle presentate per accedere ai contributi regionali ci sia uno scarto notevole, che, a seconda dei bandi, va dalla metà a un terzo”. Gian Luigi Molinari (Pd), analizzando i dati della provincia di Piacenza, ha invitato la Regione, nei futuri bandi, “a inserire riserve territoriali o punteggi maggiorati per zone svantaggiate come quelle montane”. Lia Montalti (Pd) ha evidenziato come, “a meno di due anni dall’inizio del mandato, il quadro di programmazione degli interventi a favore delle imprese siano in avanzato stato di esecuzione”. Andrea Bertani (M5s), in merito alle start up, ha chiesto “quali siano i risultati dei finanziamenti regionali”. Luca Sabattini (Pd) ha definito il microcredito “uno strumento ben congegnato, proprio a partire dai criteri individuati per l’accesso al bando”. La presidente Serri ha invitato infine l’assessore e i tecnici della Regione a “mantenere elevato e puntuale il monitoraggio degli interventi a favore delle imprese, perché si tratta di politiche che guardano al futuro e alla crescita del sistema produttivo e del territorio regionale”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet