Reggio Emilia, arriva la notte dei morti viventi


REGGIO EMILIA, 25 FEB. 2011 – In giro la sera non c’è anima viva, nemmeno il week-end. E’ questa ormai l’opinione diffusa tra i giovani di Reggio Emilia. I quali, ad esempio, per vedersi un film al cinema devono per forza spostarsi in una multisala lontana chilometri dal centro. Sabato 26 febbraio però, il movimento non mancherà. Sono infatti in duemila ad essersi dati appuntamento a quello che sarà ricordato come il corteo più singolare ad aver mai sfilato per la città. Stiamo parlando della marcia di zombi, o Zombie Walk per gli internauti amanti dell’inglese, prevista per le ore 22 con partenza in piazza del Cristo.E’ questa la forma di protesta ideata da Kenneth Bicocchi, Federico Zamboni e Simone Merciadri, per sollecitare l’opinione pubblica sul fatto che la vita notturna della città di anno in anno va scemando. La comparsa dei morti viventi di sabato rientra nei canoni dei flash mob, ovvero di quelle azioni di protesta fuori dall’ordinario che vengono organizzate tramite la rete. Il sito su cui trovare tutte le informazioni è www.reggiozombies.com. Dentro non manca niente, dai consigli per un perfetto make-up da morto vivente, al kit per fabbricarsi "Mortino", la mascotte in cartone dell’evento. "Hey tu! Reggiano! – recita l’incipit dell’appello alla mobilitazione – Non ti rompi anche tu le balle di avere un centrocittà così vuoto che il sabato sera ormai ti chiedi ‘in che città andiamo’ e non più ‘in che locale andiamo?’". Il corteo, una volta partito da piazza del Cristo, si sposterà in direzione di piazza Fontanesi per poi procedere lungo via Toschi, via San Girolamo e la via Emilia. Le tappe principali saranno piazza San Prospero, dove ci sono i locali più frequentati, e la fontana del teatro Valli.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet