Reddito, in Emilia Romagna “regge”


Per una volta il rosso scuro non indica un debito economico, ma un’abbondanza almeno relativa che resiste nonostante la crisi. E’ una striscia che risale il corso del Po, quella color carminio che indica una delle fasce di maggior benessere in Italia. Nei dati ministeriali sul reddito degli italiani la Pianura Padana resiste: Milano guida la classifica dei grandi centri con una media di 29.803 euro guadagnati pro capite; Bologna segue a notevole distanza ma guida i capoluoghi dell’Emilia con 24.466 euro, seguita a breve distanza da Parma. Modena arriva terza con 23.509 euro guadagnati in media da ciascun abitante: una media che vale il rosso più intenso nelle stime – riferite all’anno 2013 – che perdono rapidamente tonalità muovendo il cursore verso nord e soprattutto verso sud. Sull’Appennino il reddito è mediamente inferiore, la cosa è risaputa: meno affollata di attività produttive, l’area montana merita il rosso scuro in una sola località emiliana, Porretta Terme, dove il reddito medio è di 20.100 euro. Nella bassa invece il colore è andato smarrendosi dall’anno precedente rispetto a quello rilevato, soprattutto a causa del sisma che ha fatto rapidamente sbiadire Cavezzo, Novi e San Possidonio.
Attenzione alla disparità tra 2012 e 2013: dai dati del Ministero risulta infatti che a Modena siano andati smarriti ben mille euro di reddito nell’arco di appena un anno, da 24.500 a 23.500; a Bologna addirittura 2.100. Numeri a dir poco choccanti.
E choccante è pure la persistente differenza economica tra Nord e Sud, quasi due Paesi diversi a giudicare dalla colorazione, con redditi che già sotto Firenze rimangono sistematicamente sotto i ventimila euro a testa, spesso sotto i quindicimila.
Per pura curiosità il Ministero fa anche sapere che il Comune d’Italia col reddito medio più basso è Carvagna, provincia di Como, i cui 122 abitanti mettono insieme appena 6.500 euro annui a testa; il Paperone d’Italia è Portofino, guarda un po’, con un reddito pro capite di oltre 51mila euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet