RE SIMONA CASELLI PRESIDENTE LEGACOOP REGGIO


REGGIO EMILIA 23 FEBBRAIO E’ la seconda donna in Italia a guidare Legacoop in una realtà provinciale, la terza in assoluto nella lunga storia della coooperazione italiana che si riferisce a Legacoop. E’ Simona Caselli a raccogliere il testimone di presidente da IUldo Cigarini.E’ è nata a Parma nel 1961. E’ laureata con lode in Economia e Commercio all’Università di Parma, con una tesi sull’Accumulazione nei Modelli di Economia Partecipativa. Ha una specializzazione alla Sda Bocconi in ”Direzione e Politica finanziaria”. Parla un ottimo inglese oltre al francese e allo spagnolo.Dal 1985 al 1992 è stata responsabile del settore finanza e credito della Lega Provinciale delle Cooperative di Parma. Nel 1992 è stata chiamata al Ccfs di Reggio Emilia, dove ha svolto prima le funzioni di tesoriere, di responsabile del Settore sviluppo e poi di direttore commerciale, ruolo che ricopre tutt’ora. Dal 2006 è anche presidente della Cooperativa Immobiliare A. Bellelli di Reggio Emilia.Ha ricoperto e ricopre tutt’ora importanti incarichi in diverse cooperative. E’ stata consigliere di amministrazione di Coop Consumatori Nordest dal 1989 al 2010. E’ stata fino al 2008 consigliere di amministrazione di Nuova Planetario spa di Reggio Emilia e di Cofies spa, finanziaria di partecipazione per l’economia sociale. Siede nel cda di Finsoge srl di Reggio Emilia e di Banca Monte Parma spa.E’ membro della Direzione Regionale Legacoop e della Commissione Regionale pari opportunità di Legacoop Emilia Romagna. Negli anni passati è stata anche nella Direzione dell’Associazione Nazionale Cooperative di Consumo e nella Direzione operativa dell’Associazione nazionale delle cooperative agricole. Ha ricoperto o ricopre tutt’ora l’incarico di sindaco effettivo nei collegi sindacali di importanti cooperative e società.Ha collaborato a diverse pubblicazioni su temi economici, finanziari e sulla cooperazione. E’·docente ai Master in Economia Cooperativa presso le Università di Bologna e Roma 3 e ai corsi per la Rete degli Operatori Finanziari Cooperativi promossa da Legacoop Nazionale. E’ stata consigliere di amministrazione dell’Università di Parma dal 1982 al 1984 e consigliere comunale di Parma dal 1985 al 1990.Ai delegati delle 215 cooperative associate a Legacoop sono stati illustrati, con il Rapporto 2007-2010, risultati che hanno messo in rilevo il ruolo straordinario delle imprese cooperative per lo sviluppo del territorio, per la tenuta della occupazione, per il contributo dato alle politiche di welfare.L’andamento degli ultimi anni delle cooperative di Legacoop ha registrato una crescita del valore della produzione a tassi molto elevati fino al 2005, un rallentamento nel triennio 2006-07-08 con incrementi annui medi intorno al 3% e l’esercizio 2009 in contrazione del -6,35%, all’insegna delle pesanti difficoltà che hanno investito trasversalmente i diversi comparti economici. Il 2010, dalle rilevazioni dei bilanci preconsuntivi, presenta per le 215 imprese associate un tasso di sviluppo del +7,46%, che porta il valore della produzione consolidato a superare i 6,8 miliardi di euro, con saldi positivi per tutti i settori di attività.I soci delle 215 cooperative associate sono 660mila, con una costante crescita annua tra il 2 e il 3%. Gli occupati superano nel 2010 i 41mila, con un saldo positivo sull’anno precedente di oltre 1.000 unità (+2,93%). Anche le previsioni per il 2011 segnano un saldo occupazionale positivo intorno al +2%. Nel solo territorio della provincia di Reggio Emilia gli occupati a fine 2010 risultano 12.202 (circa il 30% degli occupati complessivi) con una crescita sull’anno precedente del +2,92%. Sono stati presentati anche i significativi dati sull’impegno sociale delle cooperative reggiane nei confronti del territorio. Nell’anno 2009 l’importo complessivamente stanziato dalle cooperative per iniziative di natura sociale è stato di 8,5 milioni di euro con un incremento del 25% rispetto a 6,8 milioni di euro erogati nel 2005.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet