re bo 6 /3/2012 integrazione societaria fra Transcoop Bus di Reggio Emilia e Cosepuri di Bologna


reggio bologna 6 marzo Cosepuri, azienda bolognese leader nel settore del trasporto, allarga i suoi confini e oggi opera anche a Reggio Emilia a seguito di un’operazione di fusione per incorporazione con la cooperativa reggiana Transcoop Bus, che ha avuto efficacia operativa a partire dal 1 Gennaio 2012.Cosepuri, fondata nel 1972, opera da quarant’anni nel mercato del trasporto persone e merci. Articolata in quattro divisioni operative (auto e bus con conducente, autolinee e trasporto merci) la cooperativa associa imprese in maggioranza monoveicolari ed è in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza, disponendo di una centrale computerizzata e di un call center che utilizza le più moderne tecnologie informatiche in funzione 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno.Transcoop Bus, consorzio di imprese reggiane costituito in forma di società cooperativa, ha operato per oltre 30 anni sul mercato locale del trasporto persone di Reggio Emilia associando una ventina di aziende di dimensioni molto diverse tra loro che operano tramite autovetture o autobus. Già nel corso dell’anno 2009 Cosepuri, su sollecitazione delle associazioni di riferimento LEGACOOP e CNA, manifestò la propria disponibilità a partecipare ad un progetto di collaborazione per il rilancio di Transcoop Bus, sfociato nella sottoscrizione di un documento congiunto a Dicembre 2009 e nella reciproca adesione in qualità di soci delle due strutture. Nel corso del 2010 venne deliberato da entrambi i CdA l’ingresso nell’organo amministrativo di Transcoop Bus da parte di un esponente di Cosepuri, che ne assunse altresì la presidenza. Nel mese di Giugno 2011, i rispettivi Consigli di Amministrazione hanno preso atto e valutato positivamente la presenza di condizioni ed elementi favorevoli alla riuscita di una iniziativa di integrazione societaria mediante una fusione per incorporazione. Tale operazione, successivamente approvata dalle rispettive Assemblee dei soci lo scorso Settembre 2011, ha avuto efficacia operativa a decorrere dal 1 Gennaio 2012. I PROTAGONISTI“In un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo in questi anni” dichiara il Presidente di Cosepuri Gino Onofri “l’integrazione fra due soggetti imprenditoriali del mondo cooperativo da sempre attenti alle esigenze di mobilità della collettività è un progetto ambizioso ma necessario. Il persistente negativo andamento dell’economia nazionale e locale (che negli ultimi due esercizi non ha mancato di riflettersi anche nell’attività svolta da entrambe le aziende) non lascia intravedere la possibilità che si realizzino a breve termine le condizioni per una ripresa significativa dei mercati di riferimento in cui operiamo.”“Probabilmente” prosegue Onofri “la ripresa dello sviluppo delle attività aziendali ai tassi e con le caratteristiche registrate negli anni precedenti alla crisi non sarà né scontata, né sicura, né soprattutto rapida. Certamente, per un periodo non breve, si assisterà ad uno squilibrio significativo fra domanda ed offerta, con conseguente riduzione tendenziale dei prezzi in mercati peraltro già caratterizzati da significative tensioni al rialzo dei costi di esercizio.Da qui, stanti le difficoltà di crescita per linee interne, la necessità di recuperare competitività anche mediante operazioni di integrazione societaria. L’operazione di integrazione con Transcoop Bus si colloca proprio in quest’area, essendo diretta a razionalizzare i costi di struttura e di esercizio, ad aumentare le dimensioni e la massa critica in termini di fatturato, soci e parco veicolare, nonché ad allargare la presenza territoriale di Cosepuri, radicandone le attività anche a Reggio Emilia.”“Negli ultimi 10 anni” conclude Onofri “Cosepuri ha coniugato una tradizione quarantennale localizzata sul territorio bolognese ad un impulso verso l’esterno finalizzato a trasferire la propria formula imprenditoriale in altri territori. E’ importante sottolineare che, per lo sviluppo della propria attività in altre realtà territoriali, ricorre a forze operative locali, trasferendo la propria originale formula imprenditoriale con risultati altrettanto validi.I soci di Transcoop Bus entrano quindi nella compagine di Cosepuri, operando d’ora innanzi con un brand da tempo consolidato sul territorio regionale. La nuova filiale Cosepuri di Reggio Emilia entra a far parte di un drappello di realtà locali già avviate, tramite filiali o società partecipate, a Modena, Parma, Ferrara, Imola e Firenze e rappresenta un ulteriore passo nell’ambito di un progetto volto a collocare la cooperativa tra i primi fornitori di soluzioni di trasporto persone e merci.”“Entrando ad operare nell’orbita di una struttura professionale e di un marchio efficiente e collaudato come quello di Cosepuri” commenta il Vicepresidente uscente di Transcoop Bus Claudio Aguzzoli “confidiamo di mantenere e migliorare i traguardi finora raggiunti e di accrescere ancora la qualità del servizio finora erogata su un territorio nel quale le imprese reggiane associate a Transcoop Bus hanno maturato una specifica conoscenza. L’unione dell’esperienza delle due imprese cooperative e delle rispettive professionalità ha come obiettivo la creazione di un più forte interlocutore nel mercato reggiano.” “Siamo lieti” interviene Alessandro Dalla, Direttore Generale di Cosepuri “di entrare a far parte del tessuto economico di Reggio Emilia, una città di solida vocazione imprenditoriale, di assumerci la responsabilità di contribuire al miglioramento del sistema della mobilità e di offrire un servizio diretto ed efficace anche alle realtà economiche dell’area reggiana. Il modello di gestione che abbiamo sperimentato con successo in 40 anni di attività mira a creare sinergie con operatori locali, razionalizzando i costi e diversificando l’offerta. Non intendiamo sostituirci ai soggetti economici esistenti, bensì esercitare un’azione sussidiaria, in modo che essi stessi si rendano più competitivi e consapevoli della necessità di farsi trovare uniti e preparati di fronte alle sfide del mercato.”“Le dimensioni ed il successo di Cosepuri” conclude Dalla “indicano chiaramente che l’esercizio associato dell’attività produce notevoli vantaggi in termini di maggiore forza contrattuale, di miglioramento della capacità produttiva e delle condizioni lavorative delle imprese consorziate”. Cosepuri si è impegnata in maniera particolare per esportare il proprio know-how nel territorio emiliano-romagnolo e toscano, differenziando in modo incisivo l’attività ed offrendo servizi accurati ed altamente professionali atti a rispondere, 24 ore su 24 – 365 giorni all’anno, alle specifiche esigenze di movimentazione di aziende, enti pubblici, professionisti e privati nelle diverse province.In sintesi, il punto di forza di questo progetto è la condivisione di obiettivi comuni e di principi quali la qualità del servizio, l’aggregazione e la collaborazione, fattori che hanno riflessi positivi sia sulla gestione interna sia sui servizi rivolti al consumatore finale italiano e straniero.” OBIETTIVIL’unione delle forze consentirà a Cosepuri e Transcoop Bus di razionalizzare le risorse finanziarie, aumentando la reciproca visibilità sui rispettivi mercati di riferimento tramite un unico brand da anni già consolidato sul territorio regionale. Tale operazione trasformerà la filiale COSEPURI di Reggio Emilia nella più importante realtà locale del noleggio con conducente, consentendole di collocarsi anche in questa città tra i primi fornitori di soluzioni di trasporto, con un’offerta di servizi atti a rispondere alle specifiche esigenze di movimentazione di enti pubblici, realtà imprenditoriali locali e privati.Per Cosepuri si è trattato di perseguire gli stessi obiettivi e la medesima strategia di espansione territoriale già sperimentati in precedenza su altri territori, basandosi non solo sulla crescita per linee interne, ma anche su iniziative ed acquisizioni effettuate per espandere le attività aziendali oltre l’ambito locale nel quale erano state storicamente svolte, sia direttamente, tramite la costituzione di filiali (Ferrara, Imola e Reggio Emilia), sia indirettamente, mediante la partecipazione a società consortili (Amne, Fiborent, Fem e Nuova Mobilità). In tal modo Cosepuri ha esportato su altri territori il proprio consolidato modello consortile sviluppando un’azione diretta a raggruppare ed organizzare le piccole/medio imprese operanti nei medesimi settori, al fine di promuoverne la crescita e migliorarne la capacità produttiva e reddituale. La politica di espansione su altri territori è sempre partita, quindi, dalla valorizzazione di realtà economiche già esistenti. Da questo punto di vista insistenti sollecitazioni provengono tuttora dalle istituzioni e dalle associazioni di categoria di altre città intenzionate a valorizzare il territorio mediante la presenza di servizi efficienti, realizzati organizzando le piccole realtà locali normalmente scollegate e in competizione fra loro. Peraltro analoghe richieste vengono effettuate dalla clientela consolidata, interessata ad usufruire degli stessi servizi anche in altri territori. Anche per queste ragioni Cosepuri continua a valutare seriamente l’ipotesi di allargare direttamente il proprio raggio di azione su altre aree dove effettivamente esiste un potenziale ancora inespresso, quali le città del territorio emiliano-romagnolo attualmente non coperte dai propri servizi, oppure città appartenenti a regioni confinanti, nonché la città di Roma dove COSEPURI dispone già di un consorzio associato ed ha recentemente acquisito, mediante gara di appalto, i servizi di trasporto a mezzo auto per conto di un importante ente pubblico.Atteso che COSEPURI e TRANSCOOP BUS sono due aziende abbastanza omogenee per struttura sociale, configurazione societaria e tipologia di attività svolte, vi sono state anche valide ragioni economiche, di seguito sintetizzate, legate alla riorganizzazione e al riassetto strutturale che hanno giustificato un’operazione di integrazione forte fra le due strutture tramite lo strumento della fusione per incorporazione:o aumento delle dimensioni e della massa critica in termini di fatturato, soci e parco veicolare;o ulteriore diversificazione dei servizi offerti;o riduzione dei rischi collegati all’esercizio delle attività in funzione della crescita e della diversificazione delle stesse;o allargamento della presenza territoriale della cooperativa radicandone le attività anche a Reggio Emilia in posizione strategica sull’asse della Via Emilia e baricentrica fra Bologna e Milano;o incremento dell’efficienza per effetto della razionalizzazione dei costi di struttura mediante la realizzazione di un modello organizzativo più semplice, efficace ed efficiente che eviti la duplicazione di costi gestionali;rafforzamento della consistenza patrimoniale LE DUE AZIENDE IN CIFRECOSEPURI:• A tutt’oggi il consorzio associa 282 imprese. In totale, gli addetti che operano presso la sede, le filiali e le società partecipate (soci, dipendenti e collaboratori) sono circa 500. • Il parco veicolare con cui COSEPURI opera nelle aree di Bologna, Modena, Parma, Ferrara, Imola, Firenze e Roma è composto da circa 300 autovetture berline o monovolume, 100 pullman da 8 a 70 posti, 90 veicoli adibiti al trasporto merci e 65 autobus di linea.• Il valore della produzione realizzato nell’anno 2010 è stato pari a Euro € 24.542.483,00 TRANSCOOPBUS:• Al 31/12/2011 il consorzio associava 20 imprese. In totale, gli addetti che operano presso la sede, le filiali e le società partecipate (soci, dipendenti e collaboratori) sono circa . • Il parco veicolare con cui TRANSCOOPBUS opera è composto da 78 veicoli tra autovetture berline, monovolume, pullman e veicoli adibiti al trasporto merci.• Il valore della produzione realizzato nell’anno 2010 è stato pari a Euro € 4.766.420.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet