Ferrari Press ha installato un innovativo centro di lavoro tridimensionale


reggio emilia 9 settembreL’impresa, attiva dal 1986 sul mercato della subfornitura ad alta tecnologia, con l’acquisizione del laser tridimensionale ha compiuto un nuovo passo molto importante nel proseguimento degli obiettivi di costante innovazione tecnologica. Recentemente infatti è stato installato il centro di lavoro tridimensionale a cinque assi preposto alla finitura di particolari imbutiti tramite taglio e saldatura laser. La macchina scelta dall’azienda è un prodotto di alta tecnologia interamente progettato e costruito in Italia. Con il laser tridimensionale Ferrari Press soddisfa le diverse esigenze del cliente, dalla prototipazione alla costruzione di particolari, dove l’investimento in attrezzature sarebbe troppo oneroso in funzione dei quantitativi da produrre. La macchina è dotata di un software che acquisisce le geometrie dai più comuni programmi di modellazione solida ed elabora il percorso laser completamente in modo automatico. L’apparecchiatura è allestita con una sorgente da 3.000 watt e può tagliare acciaio inox fino a 5 millimetri di spessore e ferro fino a 10 millimetri, si possono inoltre eseguire saldature laser sia su ferro che su inox con una precisione notevole e un impatto estetico bassissimo sul prodotto finale. L’azienda, grazie alle professionalità altamente specializzate di cui dispone e ad un know how quarantennale è in grado di sviluppare prodotti in sinergia con il cliente. Ferrari Press offre un servizio a 360° nel campo della lamiera, partendo dalla progettazione delle attrezzature tramite CAD tridimensionale per l’analisi del particolare e della sua fattibilità, mediante un modulo di studio imbutitura e sviluppo striscia (in caso di stampi progressivi) che ne rileva le criticità permettendo di definire al meglio il numero dei passaggi necessari all’ottenimento del prodotto finale. Il reparto attrezzeria è in grado di produrre stampi di dimensioni fino a 1500×3000 di pianta mediante macchine CNC. Il reparto stampaggio è composto da 30 presse meccaniche e oleodinamiche con tonnellaggi da 30 a 1250. L’azienda infine ha messo a punto un processo innovativo messo a punto denominato Cold Forging che consiste nello stampaggio della lamiera facendole cambiare spessore e creando così particolari forgiati a freddo, ma con caratteristiche simili a quelli ottenibili tramite l’asportazione del truciolo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet