I RISULTATI DELLA SECONDA EDIZIONE DEL CONCORSO ENOLOGICO “MATILDE DI CANOSSA – TERRE DI LAMBRUSCO”


REGGIO EMILIA 9 GIUGNO Si è conclusa al Castello di Bianello di Quattro Castella (Reggio Emilia) la seconda edizione del Concorso Enologico “Matilde di Canossa – Terre di Lambrusco” abilitato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali al rilascio di distinzioni.La manifestazione è stata indetta dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Reggio Emilia con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e la col-laborazione della Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Quattro Castella. L’e-vento si è avvalso inoltre della collaborazione dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani che si è assunta la responsabilità dell’esecuzione tecnico-operativa delle se-lezioni e dell’Associazione Italiana Sommeliers Sezione Emilia. Hanno poi contribuito alla migliore riuscita della manifestazione il Consorzio Vini Reggiani, il Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi, il Consorzio Volontario Lambrusco Man-tovano Doc e il Consorzio Tutela Vini Colli di Parma Doc.Il Concorso è stato riservato ai vini frizzanti Doc e Igt e vini spumanti Doc (Meto-do Classico e Charmat) prodotti con prevalenza del vitigno Lambrusco per alme-no l’85% delle seguenti denominazioni di origine controllata (o Dop) e indicazioni geografiche tipiche (o Igp): Colli di Parma Doc; Colli di Scandiano e di Canossa Doc; Modena Doc; Lambrusco di Sorbara Doc; Lambrusco Grasparossa di Ca-stelvetro Doc; Lambrusco Mantovano Doc; Lambrusco Salamino di Santa Croce Doc; Reggiano Doc; Emilia Igt Lambrusco; Provincia di Mantova Igt Lambrusco; Quistelli Igt Lambrusco; Sabbioneta Igt Lambrusco.Il Concorso si è proposto l’obiettivo di evidenziare la migliore produzione di vini Lambrusco, farla conoscere ai consumatori ed agli operatori, presentare al pub-blico le tipologie dei vari vini, nonché premiare e stimolare l’attività delle aziende vinicole al continuo miglioramento qualitativo dei loro prodotti.I campioni iscritti al Concorso sono pervenuti alla Camera di Commercio di Reggio Emilia, il cui personale ha provveduto a catalogarli; successivamente sono stati resi anonimi dall’avvocato Luigi Prosperini, quindi sono stati valutati con il metodo di valutazione “Union Internationale des Oenologues”.Le operazioni di selezione, divise in quattro sessioni, si sono ufficialmente aper-te giovedì 26 maggio 2011 in occasione di un incontro durante il quale è stata presentata la manifestazione. Nella stessa occasione l’avvocato Prosperini ha proceduto alla formazione, per sorteggio, delle commissioni di valutazione ed all’assegnazione, sempre per sorteggio, dei gruppi di vini.I commissari, divisi in cinque commissioni composte ognuna da tre enologi, un giornalista e un sommelier, hanno valutato in due giorni di lavori 199 campioni presentati da 54 aziende.Il risultato finale di ogni campione partecipante alla prima edizione del Concor-so Enologico “Matilde di Canossa – Terre di Lambrusco” è stato calcolato do-po aver eliminato la scheda con il punteggio più alto e quella con il punteggio più basso, attraverso la media aritmetica delle 3 schede rimanenti.Per ognuna delle denominazioni di origine e per ognuna delle indicazioni geo-grafiche previste dall’art. 3 del regolamento, vengono premiati ex-aequo, sino ad una percentuale massima del 30% dei campioni ammessi al Concorso per ciascuna denominazione di origine e indicazione geografica, i vini che hanno ot-tenuto un punteggio uguale o superiore ad 80/100. Ai vini premiati verrà attribui-to un diploma di merito. Complessivamente sono stati selezionati 63 vini.Durante i due giorni del Concorso i commissari hanno compilato 995 schede di valutazione, attribuito 14.925 giudizi parziali e utilizzato 1.100 bicchieri.La proclamazione ufficiale dei vini vincitori è fissata per il 25 giugno 2011 al Ca-stello di Bianello di Quattro Castella. Nell’ambito della cerimonia, che inizierà al-le ore 11, e sarà aperta al pubblico, saranno allestiti banchi di assaggio e sarà presentata ufficialmente la Guida “Terre di Lambrusco 2011” che conterrà, tra-dotta in tre lingue per ciascuno dei vini vincitori, una pagina dedicata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet