CONFCOOPERATIVE REGGIO REGGIO PRIMEGGIA A LIVELLO NAZIONALE NEI SERVIZI ONLINE GRATUITI PER LA CASA


REGGIO EMILIA 9 MAGGIO La casa, a Reggio Emilia, si cerca online, e c’è proprio una cooperativa reggiana, la Naytes, ai vertici nazionali nel campo dei servizi gratuiti internet legati alla casa.Presieduta da Alberto Di Stefano, la cooperativa (una delle strutture di punta della Confcooperative nel terziario avanzato) è gestita da un gruppo di giovani che hanno avviato l’attività nel 2001, creando a Reggio il primo portale internet (www.reggiocase.it) interamente ed esclusivamente dedicato al settore della casa e destinato ai cittadini che cercano immobili sia per l’acquisto che per l’affitto, ma anche servizi e consulenze gratuite legate all’abitare.Con i portali aperti per Reggio Emilia, Parma, Modena, Piacenza, Bologna, Ravenna e Rimini, Naytes ospita oggi 7.691 segnalazioni di alloggi (6.327 per la vendita e 1.364 per l’affitto) e, mensilmente, è contattata online da quasi 70.000 visitatori, per un totale di 551.000 pagine lette. Il primato assoluto spetta proprio a Reggio, in cui è segnalata la disponibilità di oltre 2.200 segnalazioni di alloggi, 1.834 dei quali destinati alla vendita (e di questi quasi un terzo nel solo comune capoluogo) e 420 all’affitto. “La crisi di questi anni – spiega Di Stefano – ha fatto crescere anche queste cifre, ma il dato più rilevante riguarda le ricerche effettuate dai reggiani o da chi intenda risiedere nella nostra provincia: i visitatori unici del portale sono 18.500 al mese (+ 60% negli ultimi due anni) e, soprattutto, è aumentato enormemente il numero delle pagine lette, che in un biennio sono più che raddoppiate, giungendo a 185.000 su base mensile. Una media superiore alle 10 pagine per visitatore che non ha riscontro in altre aree: Modena è a 9 come Parma e Piacenza, ma Bologna, Ravenna, Rimini sono tra le 5 e le 6 pagine per visitatore”.“E’ soprattutto questo – spiega il direttore tecnico di Naytes, Simone Revelli – l’indicatore di una ricerca che si è fatta sempre più ponderata e selettiva, portandoci ad affinare molto i parametri della ricerca: il cittadino, in modo del tutto anonimo ed assolutamente gratuito, può indicare il tipo di alloggio, il numero dei locali, la superficie complessiva, la fascia di prezzo entro la quale intende rimanere sia per l’acquisto che per l’affitto, la località della provincia in cui intende risiedere (con ulteriori segmentazioni per il Comune capoluogo), calcolando al tempo stesso la rata dell’eventuale mutuo e potendo poi accedere automaticamente a tutti gli aggiornamenti che nel portale verranno inseriti e che corrisponderanno alla sua ricerca”.A fianco di ogni immobile individuato, compare inoltre il nome dell’agenzia immobiliare o del costruttore con i quali il cittadino potrà poi stabilire i contatti finalizzati alla visita dell’alloggio e all’eventuale contratto commerciale.“Attraverso questo portale di servizio – conclude Revelli – si possono inoltre ricercare superfici edificabili, capannoni industriali (anche qui la disponibilità è aumentata molto in questi due anni), mentre specifiche sezioni sono dedicate a chi cerca un posto letto (come accade per gli studenti universitari), case per vacanze o servizi legati all’abitare (manutenzioni, traslochi, pulizie, imprese di costruzione, ecc.), che arricchiscono ulteriormente uno strumento che agevola il confronto tra domanda e offerta e la ricerca da parte dei cittadini in un’ottica di servizio fondata sulla gratuità”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet