Mariella Burani: vendite a picco, sindacati credono a nuovo piano


CAVRIAGO 9 DICEMBRESi’ dei sindacati al piano al piano industriale per il rilancio di Mariella Burani. Nell’attesa pero’ che le nuove iniziative commerciali messe in campo dai commissari straordinari, e cioe’ la licenza per la diffusion line di Matthew Williamson e la main line di Alessandro dell’Acqua, diano i loro frutti ridando ossigeno ai ricavi dell’azienda, scesi a poco piu’ di 8 mln euro, rispetto ai 397 mln euro di fatturato dei primi nove mesi del 2009. Il via libera al piano e’ arrivato nei giorni scorsi al termine dell’incontro che si e’ tenuto al ministero dello Sviluppo economico tra le organizzazioni dei lavoratori e il commissario straordinario. Mentre permangono ancora incognite sull’eventuale adesione al piano da parte delle banche (i debiti della societa’ al 30 ottobre erano pari a 359 mln euro). Durante l’incontro i commissari hanno comunicato che il fatturato dall’inizio dell’amministrazione straordinaria (marzo 2010, ndr) al 30 novembre scorso e’ stato di 8,2 mln euro contro una previsione di 9 mln. In una nota i sindacati hanno poi evidenziato come il maggiore riscontro commerciale sara’ evidente a partire dalla prima meta’ del 2011. Ma il verdetto dei lavoratori di Cavriago (Reggio Emilia) non e’ finale. Femca Cisl, Filtcem Cgil e Uilta Uil, hanno infatti chiesto “di approfondire il piano, per meglio comprendere la prospettiva industriale e occupazionale”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet