INDUSTRIALI REGGIO EMILIA: CORGHI VINCE LA VI EDIZIONE DEL PREMIO ITALIANO MECCATRONICA, MENZIONE SPECIALE A BELLCO


REGGIO EMILIA 9 NOVEMBRE La sesta edizione del Premio Italiano Meccatronica, organizzato e promosso dall’Associazione Industriali Reggio Emilia in collaborazione con il Club Meccatronica, è stata assegnata a Corghi, leader mondiale nella produzione di attrezzature per gommisti e autofficine. Menzione speciale a Bellco, azienda del distretto biomedicale di Mirandola, realtà a guida italiana attiva nel settore della depurazione extracorporea del sangue in dialisi, terapia intensiva e cardiologia. Corghi succede a Health Robotics (2011) Prima Industrie (2010), Carlo Gavazzi Space (2009), System (2008) e a Brembo (2007), vincitori delle precedenti edizioni del Premio. La Giuria che ha assegnato il riconoscimento è presieduta da Stefano Landi, Presidente Industriali Reggio Emilia, ed è composta da Alberto Bombassei, Presidente Brembo Spa, Cesare Fantuzzi, Docente presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Fernanda Roggero, Responsabile Nòva 24 – il Sole 24 Ore, Enzo Rullani, Docente presso la Venice International University, Aimone Storchi, Presidente del Club Meccatronica e con Auro Palomba, Presidente di Community, come segretario. La Giuria ha individuato in Corghi l’azienda che nel 2012 ha perfettamente incarnato i valori su cui si basa il Premio Italiano della Meccatronica. Corghi si è infatti distinta per aver adottato soluzioni meccatroniche che hanno permesso di sviluppare prodotti talmente innovativi da creare una discontinuità positiva nel proprio settore.Secondo la motivazione ufficiale, la Giuria ha voluto premiare Corghi:“Per le innovative soluzioni tecniche sviluppate a partire dal celebre “Artiglio”, il primo smontagomme per auto del mondo inventato da Corghi nel 1961, fino all’attuale “R.E.M.O.” (acronimo di Robotic Equipment for Measuring by Optics), un sistema basato su tecnologie di visione artificiale e scansione 3D della ruota completa per misurare la convergenza delle ruote senza l’intervento dell’operatore. Questa ultima innovazione rappresenta un radicale passo in avanti per tutto il settore e permetterà a Corghi di essere riconosciuto non solo come leader mondiale nel campo degli smontagomme ma anche leader tecnologico nel comparto dell’allineamento ruote”. Fondata nel 1954, Corghi Spa di Correggio ha oggi circa 700 dipendenti con 6 siti produttivi di cui uno in Cina e 5 filiali dirette (Germania, Spagna, Francia, U.S.A., Cina) e i prodotti sono distribuiti in più di 120 Paesi in tutto il mondo con la quota dell’export pari all’80% del fatturato. Corghi, in mezzo secolo di attività, si è trasformata da piccola azienda elettromeccanica tuttofare a grande realtà industriale di portata mondiale, esempio fra i più significativi della creatività e dell’eccellenza italiana nell’ambito della progettazione e realizzazione di macchinari.Una menzione speciale è stata riservata a Bellco: “Per le tre innovative apparecchiature di depurazione del sangue, presentate contestualmente nel 2012, di cui una unica al mondo per pazienti neonatali e pediatrici, in collaborazione con il Dipartimento di Nefrologia e l’IRRIV di Vicenza, e perché, dopo soli tre mesi dal sisma del maggio scorso che ha colpito l’Emilia, l’azienda ha completamente riattivato le sue attività produttive, mantenendo la propria presenza nel distretto biomedicale di Mirandola”.Attraverso il Premio Italiano della Meccatronica, Industriali Reggio Emilia si propone di trasmettere e comunicare la necessità di innovazione del sistema imprenditoriale italiano. Stefano Landi, Presidente di Industriali Reggio Emilia, dichiara: “Oggi le soluzioni meccatroniche rappresentano la nuova frontiera dell’industria meccanica nazionale che si va concentrando sulle produzioni di maggior valore per lasciare quelle più ‘povere’ alle economie emergenti dell’Est Europa o dell’Estremo Oriente. In tale prospettiva l’industria meccanica italiana può veder crescere le proprie capacità competitive solo a condizione di riuscire a sviluppare la competenza meccatronica indispensabile per conferire caratteristiche distintive ai propri prodotti. Competenze che tutte le cinque aziende finaliste hanno perfettamente dimostrato di possedere, in particolar modo Corghi, a cui va questa sesta edizione del Premio.”La cerimonia ufficiale di premiazione si è svolta ieri al Teatro Valli di Reggio Emilia, in occasione del Seminario “Industria e rivoluzione meccatronica”. All’incontro sono intervenuti Paolo Borzatta, Senior Partner The European House – Ambrosetti S.p.A., Alberto Bombassei, Presidente Brembo S.p.A., Luca Paolazzi, Direttore Centro Studi Confindustria e Maurizio Marchesini, Presidente Confindustria Emilia-Romagna.Le altre aziende finaliste selezionate con la collaborazione di Nòva24, media partner dell’iniziativa, sono: COSBERG, focalizzata sulla progettazione e realizzazione di macchine e moduli per l’automazione dei processi di montaggio, PITOM, specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi di controllo, guida e navigazione avanzati per veicoli senza pilota terrestri, aerei e marini, e SMOOV ASRV, leader nelle soluzioni di automazione distribuita per lo stoccaggio e la movimentazione merci.L’organizzazione e la comunicazione del Premio sono state seguite da Community, società di consulenza che opera in tutti i rami della comunicazione specializzata nell’area economico–finanziaria.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet