ROTARY CLUB Fabrizio Saccomanni, direttore generale della Banca d’Italia, a Reggio Emilia


REGGIO EMILIA 8 GENNAIO In occasione delle celebrazioni della Giornata Nazionale della Bandiera, giovedì 10 gennaio alle ore 17, la storica Sala del Tricolore nel Palazzo Municipale di Reggio Emilia, si appresta ad accogliere il Direttore Generale della Banca d’Italia, dottor Fabrizio Saccomanni, che terrà una relazione nell’ambito del convegno dedicato a “Gasparo Scaruffi e la moneta unica: dal Rinascimento all’Unione Europea”.L’iniziativa, organizzata da Rotary Club Reggio Emilia, in collaborazione con Comune e Provincia di Reggio Emilia e Associazione Nazionale Primo Tricolore, intende proporre una riflessione sul legame che unisce idealmente Unità d’Italia e Unità d’Europa e di cui Reggio Emilia interpreta storicamente un ruolo da protagonista, non solo per essere stata terra natale del vessillo Tricolore, ma anche di Gasparo Scaruffi, importante economista che già nel 1582 elaborò la teoria di riforma monetaria che promuoveva l’adozione di una moneta unica e universale: un vero precursore di quanto realizzato parecchi secoli dopo con l’introduzione dell’euro nei paesi europei.Le sfide che attendono la realizzazione di una vera unione economica e monetaria saranno al centro della relazione del dottor Saccomanni, che sarà preceduto dai saluti del Sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio, della Presidente della Provincia, Sonia Masini, del Presidente dell’Associazione Nazionale Primo Tricolore, Otello Montanari, del Dirigente Scolastico I.T.C. Scaruffi-Levi-Città del Tricolore, Maurizio Bocedi, e dal presidente del Rotary Club Reggio Emilia, Fabio Storchi.Gino Badini, Presidente della Deputazione di Storia Patria-Sezione di Reggio Emilia, e Giovanni Fracasso, dell’Università degli Studi di Parma, introdurranno l’argomento con un approfondimento rispettivamente sulla città di Reggio all’epoca di Gasparo Scaruffi e la moneta nel Rinascimento.Il convegno sarà moderato dalla giornalista Stefania Bondavalli.L’iniziativa è aperta al pubblico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet