UNIECO ALLA FIERA ECOMONDO PRESENTA I PIANI DI SVILUPPO DELLA DIVISIONE AMBIENTE


REGGIO EMILIA 7 NOVEMBRE “Gestire i rifiuti in modo efficiente e sostenibile”. Da quasi trent’anni Unieco opera con questa visione ad ampio raggio nel settore ambientale, costruendo e gestendo diverse tipologie di impianti per il trattamento, lo smaltimento, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti, siano essi urbani che speciali, utilizzando tecnologie efficaci ed affidabili, partecipando direttamente nel capitale delle Imprese pubbliche e private attive in diversi settori.“La nostra presenza nell’area ambientale è sempre stata e rimarrà molto diversificata”, spiega Stefano Carnevali, direttore della Divisione Ambiente di Unieco.Unieco schiera oggi un team che gestisce, anche grazie ad oltre 30 società partecipate che realizzano un fatturato aggregato di circa 300 milioni di euro (Bilancio 2011), con oltre 1500 dipendenti, un piano di sviluppo innovativo nel settore ambientale. “Le attività legate all’ambiente – commenta Stefano Carnevali – hanno consolidato un trend positivo di sviluppo garantendo con continuità una buona redditività alla capogruppo Unieco. Un andamento frutto di scelte imprenditoriali precise nell’area dell’ambiente che ha saputo sempre remunerare e sostenere un tasso di sviluppo a due cifre in tutti gli ultimi 15 anni“.Sono avviate importanti attività all’estero (in Serbia, Bulgaria, Croazia e nell’area del Mediterraneo) e partnership innovative. Il modello che Unieco vuole sviluppare è quello delle alleanze. Come è avvenuto in Toscana, dove con STA, la Società Toscana Ambiente, è partito un piano di lavoro che consolida investimenti attivati da Unieco in soli 4 anni per oltre 100 milioni di euro. L’ATO Toscana Sud ha appena comunicato l’aggiudicazione definitiva al raggruppamento di imprese “Progetto 6” che vede Unieco impegnata al massimo livello della gara per l’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani ad un gestore unico dell’intero ATO Toscana Sud (composto da 103 comuni delle province di Siena, Grosseto, ed Arezzo, con oltre 850.000 abitanti serviti). Progetto 6 è l’aggregazione nata dalle aziende che gestiscono i rifiuti nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto (Aisa, Casentino Servizi, Csa, Csai, Sienambiente, Coseca), in partnership con altri soggetti industriali privati (STA, Cooplat, i soci costruttori Unieco e La Castelnuovese, oltre a Revet, Ecolat, CRCM). Nasce così il primo operatore di quella regione ed uno dei primi in Italia con un fatturato annuo a regime di circa 170 milioni di euro.Unieco è presente a Ecomondo a Rimini Fiera dal 7 al 10 novembre per la 16esima Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile nel padiglione C1 stand 161. Sarà un meeting point aperto a clienti, partner, aziende, professionisti e istituzioni che operano nel settore ambientale, per offrire uno sguardo d’insieme su tutte le attività della divisione ambiente di Unieco: partecipazioni, smaltimenti, infrastrutture ambientali, bonifiche e attività industriali. In una parola “UniECO-SOLUTION”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet