Il Consiglio di Amministrazione di IREN approva le linee guida per la definizione di un accordo vincolante per il riassetto del Gruppo Edison


reggio emilia 7 novembre Il Consiglio di Amministrazione di IREN, riunitosi in dataodierna, ha preso in esame ed approvato le linee guida – elaborate nei giorni scorsi a Parigitra i rappresentanti di Delmi, IREN ed EDF – per la definizione di un accordo di dettaglio peril riassetto del Gruppo Edison.I punti cardine dell’operazione prospettata, dal punto di vista industriale sono:• scissione di Edipower con attribuzione degli impianti termoelettrici e dell’impianto diTusciano ad Edison e attribuzione degli impianti idroelettrici di Mese ed Udine ad Iren edA2A che costituiranno uno special purpose vehicle (66,6% A2A e 33,3% IREN) per lagestione di tali impianti;• opzione call in favore di Delmi su 250 MW di asset eolici di Edison al fair value,esercitabile a tre anni e pagabile in azioni Edison valutate a fair value;• opzione call esercitabile ad un anno in favore di Delmi (o soggetti da essa designati)sulle quote di minoranza detenute da Edison delle società proprietarie degli impiantiidroelettrici nelle province di Trento e Bolzano.Il riassetto del Gruppo Edison prevede le seguenti linee:• scissione di Transalpina di Energia (TdE) con conferimento rispettivamente ad EDF eDelmi della metà delle attività e passività di TdE. A seguito della scissione, EDF e Delmideterranno rispettivamente circa il 50% e circa il 31% delle azioni ordinarie di Edison;• stipula di un nuovo patto parasociale tra EDF e Delmi che preveda per quest’ultima dirittidi governance a protezione del proprio investimento (con particolare riferimento, tral’altro, alle operazioni tra parti correlate). È previsto che il presidente di Edison siaitaliano;• opzione put di Delmi nei confronti di EDF sul 100% delle azioni Edison detenute daDelmi: esercitabile a 3 anni sul 25% delle azioni ad un prezzo determinato attraversouna formula basata sull’EBITDA di Edison e un multiplo derivante da un campione disocietà italiane comparabili e sul restante 75% delle azioni Edison detenute da Delmi, oquote inferiori conseguenti l’esercizio della call su asset eolici, a fair value esercitabile a3/5 anni, nel caso in cui non ci sia un miglioramento della liquidità del titolo Edison.L’implementazione delle operazioni, di cui Edison sarà parte, necessiterà dell’approvazionedegli organi societari di Edison secondo le disposizioni di legge vigenti.Il completamento dell’operazione è in ogni caso soggetto alla conferma da parte diCONSOB circa l’applicabilità, in caso di OPA obbligatoria, della metodologia dideterminazione del prezzo del titolo Edison pari alla media dei 12 mesi precedenti.Il Consiglio di Amministrazione di IREN ha inoltre dato mandato a proseguire i negoziatisulla base del quadro sopra descritto, raccomandando al Comitato Esecutivo di mantenereed ampliare il rapporto industriale tra Delmi ed Edison.In caso di approvazione delle predette linee guida da parte del Consiglio di Amministrazionedi Delmi, la stessa Delmi ed EDF provvederanno a prorogare ulteriormente il pattoparasociale – ad oggi prorogato fino a venerdì 4 novembre alle ore 12 – fino al 30 Novembre2011 al fine di concludere accordi vincolanti secondo le linee guida sopra esposte.La conclusione dell’operazione incrementerà la capacità produttiva del Gruppo Iren nelsettore idroelettrico, con diritto di ritiro della propria quota di energia elettrica prodotta dagliimpianti di Mese ed Udine, rafforzandone la vocazione di produttore eco-friendly.Gli impianti idroelettrici di Mese ed Udine hanno infatti una potenza installata di 640 MW,con concessioni in scadenza al 2030.Il riassetto del Gruppo Edison consentirà anche una valorizzazione industriale di Delmi, allaquale potranno essere trasferiti asset rinnovabili rappresentati da impianti eolici per unapotenza di 250 MW. Inoltre Edison vedrà una crescita significativa della propria capacitàproduttiva da impianti a ciclo combinato con una migliore prospettiva industriale di cuibeneficeranno anche IREN e gli altri azionisti di Delmi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet