LEGACOOP RE Studiosi di sociologia rurale da tutto il mondo in visita a Cerreto Alpi


REGGIO EMILIA 6 AGOSTO A conclusione del Congresso di Sociologia Rurale tenutosi nei giorni scorsi a Firenze, un gruppo di nove studiosi ha visitato Cerreto Alpi e si è incontrato con i dirigenti della cooperativa Briganti di Cerreto e con le autorità locali. Gli studiosi, provenienti da Canada, Messico, Sud Corea, Scozia, Olanda, Danimarca, Germania e Austria, erano accompagnati dal Direttore di Ibimet Cnr Antonio Raschi. La visita ha avuto l’obiettivo di conoscere direttamente una esperienza fortemente innovativa di turismo di comunità, per altro presentata nel corso del Congresso a Firenze.La cooperativa Briganti di Cerreto, che aderisce a Confcooperative e Legacoop, ormai da dieci anni è protagonista dello sviluppo turistico ed economico del territorio, combinando la pluriattività dei suoi soci lavoratori, il coinvolgimento dell’intera comunità locale, la riscoperta e valorizzazione di tutti gli elementi della cultura materiale e immateriale del luogo (patrimonio naturalistico e storico, produzioni tipiche, cucina tradizionale, antichi mestieri, eccellenze culturali, tradizioni).Il gruppo di studiosi ha potuto visitare il suggestivo mulino ad acqua recuperato per la ricettività, il metato rimesso in funzione per l’essicatura delle castagne, il borgo che è oggetto di un continuo e corretto recupero edilizio, ed ha potuto anche assaggiare a pranzo i piatti tipici basati sulle produzioni locali e provenienti dal territorio del Parco nazionale.Presenti alla visita e agli incontri alcuni dirigenti di Legacoop (Bruno Busacca di Legacoop nazionale e Matteo Pellegrini di Legacoop Reggio Emilia), Maurizio Davolio presidente dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile, il sindaco di Collagna Paolo Bargiacchi, il presidente del Parco Nazionale Fausto Giovanelli.Gli studiosi stranieri hanno espresso la loro piena soddisfazione per la visita che ha avuto contenuti insoliti e inattesi, ed hanno proposto di mantenere i contatti per future collaborazioni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet