industriali reggio emilia NASCE IL BRAZIL DESK PER ASSISTERE LE IMPRESE NELL’APPROCCIO AL MERCATO BRASILIANO


reggio emilia 6 giugno Con l’obiettivo di presidiare uno dei mercati internazionali considerati in questo momento più interessanti, Industriali Reggio Emilia inaugura all’interno della propria Area Internazionalizzazione un nuovo progetto chiamato “Brazil Desk”.L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la società POP Consulting, è volta a garantire un supporto ed una prima consulenza a tutte le piccole e medie imprese della Regione Emilia Romagna operanti nel settore agroalimentare ed interessate a partecipare alla seconda edizione del progetto Italian Food in Brazil, che ha già visto coinvolte alcune imprese reggiane ed emiliano romagnole del settore Food & Beverage.Acetaia Dodi e Casali Viticultori, sono infatti le aziende della provincia che, grazie ad un’azione di sistema coordinata da Industriali Reggio Emilia, il supporto della Regione e di Intesa San Paolo e la consulenza di POP Consulting, per prime hanno voluto intraprendere un approccio al mercato brasiliano, da un lato in modo diretto ed autonomo, attraverso una missione ed una serie di incontri in loco con interlocutori commerciali selezionati per pianificare l’export, ma nel contempo partecipando in forma aggregata alla principale fiera di settore che si è svolta lo scorso aprile a San Paolo (Expovinis di San Paolo 2011). La seconda edizione del progetto Italian food in Brazil prevede infatti una serie di iniziative rivolte alla promozione commerciale e al supporto delle esportazioni delle eccellenze alimentari e prodotti tipici italiani, che culminerà con la partecipazione alla prossima edizione della fiera. Le imprese interessate possono manifestare il proprio interesse riferendosi al Brazil Desk di Industriali Reggio Emilia, a disposizione per seguire nel dettaglio il primo approccio commerciale al Brasile, un Paese che oggi rappresenta una grande opportunità ed una porta per tutto il Sud America. “Uno studio pubblicato dalla Fondazione Getulio Vargas lo scorso autunno afferma che il Brasile, tra 20 anni, sarà il 5° mercato mondiale in termini di consumo, oltrepassando Gran Bretagna e Francia” afferma Giacomo Ferretti Vice Presidente di Industriali Reggio Emilia con delega all’Internazionalizzazione a fronte della soddisfazione e dei risultati del Progetto Italian Food in Brazil. “Non solo il Pil brasiliano è cresciuto del 7,5% nel 2010” prosegue Ferretti “ma grazie alla stabilità politico-economica, dovuta ad una bassa inflazione e ad un’azione responsabile del Governo, e all’alto potenziale di consumo della classe media, il Paese crescerà a ritmi sostenuti anche nei prossimi anni. Il Brasile oggi rappresenta uno dei principali catalizzatori nel processo di internazionalizzazione delle imprese italiane, anche in vista dei “grandi eventi” in programma, come i Campionati Mondiali di Calcio del 2014 e i Giochi Olimpici del 2016 previsti a Rio de Janeiro, e le conseguenti “grandi opere” riguardanti le infrastrutture nelle città sede delle competizioni. Progetti che interessano principalmente le aziende operanti nei settori dei trasporti pubblici, della costruzione civile, alberghiero e di tutti i servizi collegati all’attività sportiva e turistica”.“Il Brasile – conclude Ferretti – è un Paese con più di 190 milioni di abitanti, di cui 30 milioni di origini italiane, dei quali 5 vivono a San Paolo. Non c’è da stupirsi se il Made in Italy, in tutte le sue forme ed espressioni, goda di un alto gradimento e, in particolare per il settore alimentare, rappresenti un mercato significativo e di grande interesse”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet