L’Assembela di bilancio della Cila


NOVELLARA 6 GIUGNO E’ positivo il bilancio 2011 che la Cooperativa agricola Cila ha presentato nei giorni scorsi ai soci durante l’annuale Assemblea di Bilancio nello storico Palazzo Greppi di S. Vittoria di Gualtieri “L’esercizio 2011 – ha affermato Graziano Salsi, presidente di Cila – si è caratterizzato per aver raccolto i frutti del Piano Triennale di crescita Innovazione e diversificazione produttiva, varato nel 2008 in piena crisi delle produzioni tipiche di qualità quali Parmigiano Reggiano e suino pesante. La reazione alla crisi degli anni 2004-2008 ci ha dato l’energia necessaria per promuovere e intraprendere nuova crescita produttiva e qualitativa raggiungendo risultati importanti” L’esercizio chiuso al 31 dicembre 2011 chiude con un utile netto di 257.000 euro, dopo aver effettuato ammortamenti per 508.000 euro, sostenuto oneri finanziari per 335.000 euro, pagato imposte per 107.572 euro. Il valore della produzione si è attestato a 12 milioni, godendo di una sopravvenìenza relativa alla chiusura delle vendite di Parmigiano Reggiano relativa all’anno 2009 per 2.194.000 di euro e al tempo stesso applicando una valorìzzazione del latte prodotto nel 2011 molto prudenziale, in quanto in presenza di un brusco calo delle quotazioni del mercato del Parmigiano Reggiano. Gli investimenti hanno ammontato a 1.987.000 di euro, a1l’87% imputabili ad anticipazioni relative al costruendo impianto di biogas I principali risultati conseguiti hanno riguardato la produzione del latte destinato a Parmigiano Reggiano per 129.243 quintali (+25% rispetto al 2008), la produzione del suino pesante con filiera no ogm per 17.454 quintali (+88%). Le coltivazioni foraggiere e cerealicole hanno avuto un andamento in linea con le annate precedenti e sono state reimpiegate nel ciclo produttivo aziendale. Il negozio di vendita ha fatto registrare un aumento delle vendite del 5% conseguendo un fatturato di 500.000 euro. Il piano di lavoro 2012, che si estenderà anche per i prossimi anni, sarà caratterizzato da un lato dall’accentuarsi della competitività aziendale – lavorando su costi, produttività e consolidando dei dati produttivi in costante miglioramento negli ultimi esercizi – dall’altro, dall’avvio nel secondo semestre 2012 dell’impianto di çogenerazione per la produzione di energia elettrica della potenza di kw 999 da fonti rinnovabili. Un investimento che rientra nell’obiettivo della diversificazione e multifunzionalità necessaria al mantenimento del reddito aziendale, anche in previsione della riforma della PAC soggetta a riservare possibili diminuzioni di contributi al settore agro-zootecnico. In considerazione agli obiettivi di competitività la cooperativa ha presentato domanda di contributo sul banco di Filiera del latte del PRSA (Piano Regionale Sviluppo Agricolo) della Regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di ristrutturare e concentrare gli allevamenti di Minghella, S. Vittoria, Case Nuove e Busato, con notevoli benefici sui costi e sulla gestione aziendale. “Questo bilancio – conclude Salsi – ha un grande significato storico: si tratta del 100° bilancio della Cooperativa Cila, arrivata gin qui attraversando passaggi storici molto profondi e significativi. Il 25 novembre 1911 un gruppo di abitanti di S. Vittoria costituirono la Società Cooperativa Agricola dì S. Vittoria. Nel settembre del 1912 la stessa cooperativa acquista Palazzo Greppi con annesse 1184 biolche reggiane di terreno, tuttora in proprietà di Cila. Oggi – conclude il presidente della Cila – lavoriamo perchè l’eredità costituita da tante generazioni di cooperatori possa continuare e rafforzarsi, per essere consegnata a nuovi soci cooperatori con l’obiettivo che, come allora, rimarrà il lavoro, i valori, l’intergenerazionalità”

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet