SERVIZI ITALIA: siglato il closing per l’acquisizione del 50% della società Brasiliana Lavsim Higienização Têxtil S.A.


soragna 4 luglio Servizi Italia, controllata dalla Coopservice di Reggio Emilia e quotata sul Segmento STAR di Borsa Italiana e leader in Italia nel settore dei servizi integrati di noleggio, lavaggio e sterilizzazione di materiali tessili e strumentario chirurgico per le strutture ospedaliere, ha perfezionato in data 2 luglio il closing per l’acquisizione del 50% della società Brasiliana Lavsim Higienização Têxtil S.A.“Con questa acquisizione, – ha dichiarato Luciano Facchini, Presidente e Amministratore Delegato di Servizi Italia – si pongono le basi per lo sviluppo del Gruppo in Brasile che consentirà, anche grazie all’esperienza pluriennale che la famiglia di Romulo Rodrigues vanta nel mercato dei servizi di lavanderia nello Stato di San Paolo, di iniziare a presidiare un mercato con tassi di crescita tra i più alti al mondo, dotato di enormi potenzialità e dove sonoprevisti ingenti investimenti in infrastrutture nei prossimi anni, anche per l’avvenuta assegnazione dei massimi eventi sportivi mondiali. Inoltre, la presenza del Gruppo Servizi Italia in Brasile permetterà di dare corso a una strategia di sviluppo di siti produttivi specializzati su tecnologie innovative nei servizi di lavanderia, utilizzando e valorizzando un bacino prezioso di risorse locali, nonché di sviluppare i servizi di noleggio e sterilizzazione”.Servizi Italia annuncia che è stato siglato il closing per l’acquisizione di una quota del 50% del capitale sociale di Lavsim Higienização Têxtil S.A., società brasiliana con sede nella città di São Roque, Stato di San Paolo – Brasile e capitale sociale pari a 550.000 BRL, pari a 218.766,2 Euro al tasso di cambio di 2,5141 EUR/BRL al 4 maggio 2012, attiva nell’offerta di servizi dilavanderia per il settore sanitario nello Stato di San Paolo con particolare focus sugli ospedali presenti nella capitale.La partecipazione è stata ceduta a Servizi Italia da parte dei componenti della Famiglia Rodrigues (i “Venditori”). Il contratto prevede inoltre la condivisione di un business plan con la Famiglia Rodrigues, nonché la possibilità che Servizi Italia possa crescere nel capitale di Lavsim sino a detenerne potenzialmente la totalità in un arco temporale di 5 anni successivo alla data del closing.L’operazione pone le basi per lo sviluppo del Gruppo Servizi Italia in Brasile e consente di iniziare a presidiare il mercato Brasiliano caratterizzato da tassi di crescita tra i più alti al mondo e dotato di enormi potenzialità. Inoltre, la presenza del Gruppo Servizi Italia in Brasile permetterà di dare corso a una strategia di sviluppo di siti produttivi specializzati su tecnologieinnovative nei servizi di lavanderia, utilizzando e valorizzando un bacino prezioso di risorse locali, nonché di sviluppare i servizi di noleggio e sterilizzazione per i quali il trend di domanda è in forte crescita. Più in particolare lo Stato di San Paolo, con strutture sanitarie caratterizzateda oltre 150 mila posti letto a fine 2010, rappresenta il principale Stato del Brasile per il settore proprio di Servizi Italia (fonte: Ministero della Salute Brasiliano). Si stima che tale area rappresenti un mercato potenziale di circa 220 milioni di USD per gli operatori del settore.Lavsim è una società a gestione familiare fondata nel 1999 dalla Famiglia Rodrigues. È attiva nell’offerta di servizi di lavanderia per il settore sanitario nello Stato di San Paolo con particolare focus sugli ospedali presenti nella capitale. Nel corso del 2011 la Società ha registrato ricavi pari a 5,3 milioni di Euro (85% servizi di lavaggio, 15% servizi di noleggio) con un risultato operativo netto (EBIT) di 0,8 milioni di Euro (EBIT margin pari al 15,2%) e unutile netto di 0,5 milioni di Euro (9,5% dei ricavi). Nell’ottica della continuità aziendale e soprattutto nel riconoscimento delle competenze professionali e delle qualità personali, nell’organizzazione societaria di Lavsim si prevede di mantenere un rapporto di lavoro con la Famiglia Rodrigues, con l’apporto del know how industriale e amministrativo da parte di Servizi Italia.Con riferimento alla struttura dell’operazione le parti hanno stabilito che la stessa si sviluppi secondo le seguenti fasi e che abbia le seguenti caratteristiche: alla data del closing Servizi Italia acquisirà il 50% di Lavsim dai Venditori a fronte del pagamento di un corrispettivo complessivo massimo di Real (R$) 12.850.000 (pari a massimi Euro 5.111.173, calcolati sullabase del tasso di cambio EUR/BRL del 2,5141 al 4 maggio 2012). Parte di tale corrispettivo (circa l’82%) sarà corrisposta cash ai Venditori, mentre la restante parte sarà versata in un conto vincolato volto: (i) a coprire eventuali passività e (ii), a garanzia del meccanismo di aggiustamento del corrispettivo che prevede che il corrispettivo possa essere inferiore a quanto sopra evidenziato qualora il livello di indebitamento finanziario netto alla data del closing risulti superiore a quello concordato tra le parti. Si prevede di finanziare l’acquisto dellapartecipazione tramite linee di credito bancarie già a disposizione di Servizi Italia.I termini contrattuali prevedono inoltre che nel caso in cui Lavsim rispetti il risultato netto previsto nel business plan per l’anno 1 (dall’1 luglio 2012 al 30 giugno 2013) e l’anno 2 (dall’1 luglio 2013 al 30 giugno 2014), al termine dei rispettivi periodi Servizi Italia corrisponderà ai Venditori il pagamento di earn–out ognuno dell’ammontare di R$ 375.000 (pari a massimi Euro 149.159, calcolati sulla base del tasso di cambio EUR/BRL del 2,5141 al 4 maggio 2012).Qualora tuttavia alla data di esborso i Venditori risultino debitori nei confronti di Servizi Italia per indennizzi o per altri pagamenti non corrisposti, Servizi Italia avrà il diritto di non procedere con il pagamento di earn–out. Le parti hanno inoltre sottoscritto un contratto di finanziamento soci che prevede che Servizi Italia nell’arco dei 36 mesi successivi al closing, conceda a Lavsim 3 distinti finanziamenti espressamente finalizzati a sostenere gli investimentioperativi della società brasiliana nel corso di tale periodo futuro. L’ammontare complessivo dei finanziamenti soci sarà pari a euro 4.189.726, di cui (i) euro 1.513.916 da versare alla data del closing, (ii) euro 469.234 da concedere nel caso in cui Lavsim rispetti il risultato netto dell’anno 1 (dal 1 luglio 2012 al 30 giugno 2013) evidenziato nel business plan e (iii) euro 2.206.575 da concedere nel caso in cui Lavsim rispetti il risultato netto dell’anno 2 (dal 1 luglio 2013 al 30 giugno 2014) evidenziato nel business plan. Si segnala che il valore del finanziamento soci di cui al punto (i) potrà essere incrementato nel caso in cui alla data del closing l’indebitamento finanziario netto di Lavsim risulti inferiore a quanto concordato tra le parti. Servizi Italia ritiene di poter finanziare l’acquisizione e i finanziamenti soci mediante le risorserinvenienti dall’Aumento di Capitale, dalla cassa generata dalla gestione operativa corrente ed eventualmente da linee di credito a disposizione. La scadenza di tali finanziamenti soci è stabilita a 5 anni con rimborso in quote costanti del 25% a partire dal secondo anno dall’emissione. È consentito il rimborso anticipato. Con riferimento alla governance di Lavsim, la stessa sarà regolata, in base a quanto previsto dal contratto di acquisizione e dallo statuto, come segue: nomina a componenti del Consiglio di Amministrazione dei signori Facchini Luciano (President), Plinio Rodrigues (Chief Executive Officer), Silvia Rodrigues, Righi Enea e Casol Maurizio; nomina a componenti di un Comitato Esecutivo dei signori Plinio Rodrigues, Angelo Minotta (Chief Financial Officer e Chief Information Officer) e Romulo Rodrigues (Chief Institutional Relation).Per il perfezionamento dell’operazione Servizi Italia si è avvalsa del supporto della società Tamburi Investment Partners divisione advisory, in qualità di advisor finanziario, dello studio legale brasiliano Dias Carneiro in qualità di advisor legale e della società PricewaterhouseCoopers per le attività di due diligence.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet