ARGO TRACTORS PER LE ZONE TERREMOTATE


FABBRICO 4 LUGLIO Argo Tractors si impegna per le zone terremotate. Presente nella realtà emiliana duramente colpita dal terremoto con gli stabilimenti produttivi di Fabbrico, San Martino in Rio e Luzzara localizzati proprio in una delle aree colpite dal sisma, l’azienda ha reagito con grande rapidità al drammatico evento, mettendo in campo l’iniziativa “RICOMINCIAMO DALLA NOSTRA TERRA” per aiutare le aziende agricole locali.Per gli agricoltori colpiti dal sisma che hanno subito danni al proprio trattore Landini, McCormick o Valpadana, anche se non più in garanzia, l’impegno di Argo Tractors è quello di offrire il proprio contributo alla riparazione del mezzo, riconoscendo al cliente fino a 40 ore di manodopera gratuita.Ciascun intervento verrà attuato presso il concessionario di zona, che provvederà, insieme ad un tecnico del Service Argo Tractors, alla valutazione dei danni prima della riparazione del trattore.I concessionari coinvolti nell’iniziativa sono quelli di riferimento per i diversi marchi nelle aree colpite dal terremoto:- Agrimoto – comuni in provincia di Modena- Manferdini – comuni in provincia di Bologna / Ferrara- Marvasi – comuni in provincia di Reggio Emilia- Piazza – comuni in provincia di Mantova- Ferri – comuni in provincia di Ferrara- Pignatti – comuni in provincia di ModenaOltre alla riparazione dei trattori, le iniziative di Argo Tractors a favore delle zone del sisma comprendono ulteriori agevolazioni.Tutti i clienti residenti nei comuni terremotati avranno, infatti, un 10% di sconto aggiuntivo sul prezzo finale dei ricambi praticato dai concessionari.Per chi deciderà, invece, di acquistare un nuovo trattore Landini, McCormick o Valpadana sarà disponibile un finanziamento a tasso agevolato e personalizzato in funzione delle esigenze dell’agricoltore.Attraverso l’iniziativa “RICOMINCIAMO DALLA NOSTRA TERRA”, Argo Tractors, in quanto azienda al 100% Made in Italy vuole offrire un sostegno diretto all’agricoltura locale agevolando i clienti nel lavoro quotidiano e dando il proprio contributo affinché le aziende agricole possano riprendere la loro attività il più rapidamente possibile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet