IL FONDO F2i e IREN LAVORANO SUL TEMA DEI RIFIUTI


REGGIO EMILIA 4 GIUGNO Il fondo F2i e l’utility Iren lavorano su un nuovo polo dei rifiuti che potra’ replicare quanto gia’ realizzato dai due gruppi, nel settore idrico, con la joint venture Mediterranea delle Acque. L’operazione, secondo quanto risulta a Radiocor, nasce dall’apertura, da parte di Iren, del business ambientale a un socio finanziario con una quota di minoranza (il 40% circa). La ricerca del partner, che non e’ escluso possa anche arrivare al 49%, e’ partita il mese scorso e in lizza e’ rimasto solo F2i: il fondo guidato da Vito Gamberale ha l’esclusiva e sta svolgendo la due diligence. Nel nuovo polo confluiranno gli asset di Iren Ambiente, tra cui il termovalorizzatore di Piacenza e quello di Parma (attualmente nel mirino del neo-sindaco, il grillino Federico Pizzarotti), che dovrebbe essere terminato entro fine anno con investimenti superiori a 190 milioni. Nei mesi successivi, la societa’ diventerebbe operativa con l’obiettivo di trasformarsi in un leader nel trattamento dei rifiuti. Cio’ avverrebbe anche grazie allo shopping, a partire dal termovalorizzatore di Torino, che sta per essere ultimato e di cui il Comune vuole cedere l’80% per almeno 160 milioni. Un altro progetto potenzialmente all’esame della newco sarebbe la costruzione di gassificatore a Genova per lo smaltimento dei rifiuti. Sullo sfondo, inoltre, ci sono sempre i due moderni termovalorizzatori di Acegas-Aps, l’utility di Padova e Trieste, di cui recentemente si era discusso di una possibile aggregazione con Iren.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet