La fondazione manodori incontra i sindaci reggiani


REGGIO EMILIA 4 MARZO Gianni Borghi e Cristina Carbognani, presidente e vice presidente della Fondazione Manodori, hanno incontrato oggi i sindaci della provincia di Reggio Emilia per presentare il piano delle erogazioni dell’ente.Gli amministratori presenti hanno apprezzato e condiviso l’orientamento di conduzione della Fondazione Manodori, sia rispetto agli interventi per il territorio che per la gestione del patrimonio.Nell’ottica della condivisione degli obiettivi, il presidente Borghi ha chiesto ai sindaci suggerimenti per mettere a punto progetti strategici per il territorio. “Non possiamo certo smettere di sostenere tante piccole realtà che senza il contributo della Fondazione Manodori rischierebbero di chiudere, ma stiamo raccogliendo proposte da tutti gli interlocutori per definire insieme priorità d’intervento che abbiano una forte ricaduta sociale, siano efficaci e e consentano di non disperdere risorse”.Il sindaco di Reggio Emilia, Graziano Del Rio, ha sottolineato l’importanza di muoversi ‘in sintonia’ con il territorio. “Credo che la strada intrapresa dalla Fondazione Manodori sia quella giusta – ha detto Del Rio – e che sia importante fare attenzione ai bisogni reali del territorio, soprattutto nei settori dell’assistenza e dell’educazione. Così come è fondamentale valutare l’efficacia degli interventi e far crescere in tante realtà la consapevolezza che i finanziamenti devono avere un ritorno. Non riusciremo però ad inseguire la domanda e occorre sollecitare la crescita di imprese sociali”. In ambito sociale ed educativo sembra si concentrino i bisogni identificati da tutti come essenziali per il terriorio reggiano. In particolare sui temi dell’integrazione interculturale, della formazione dei giovani – anche per favorire l’occupazione – e dell’aggiornamento didattico e della dotazione informatica degli istituti scolastici, prevedendo percorsi formativi integrati. Su questo e sulle tematiche di particolare urgenza ci saranno altri momenti di confronto e di dialogo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet