CNA REGGIO CONCILIAZIONE: LA LEGGE 53 PREMIA LE AZIENDE VIRTUOSE


REGGIO EMILIA 31 DICEMBRE Ben 190 i progetti provenienti da tutta Italia considerati ammissibili al finanziamento e 87 quelli che sono stati effettivamente ammessi al finanziamento, totale o parziale, per un ammontare complessivo di oltre sei milioni di euro messi a disposizione dal Governo. Un grande successo per gli imprenditori e i loro dipendenti e per l’Associazione che ha creduto fermamente nella validità delle proposte avanzate per una migliore qualità della vita professionale e privata. La legge 53/2000 regola, infatti, le “Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città” con l’obiettivo di promuovere un equilibrio tra lavoro, cura, formazione e relazioni attraverso l’istituzione di congedi per i genitori, congedi per la formazione continua, il coordinamento dei tempi di funzionamento delle città e la promozione dell’uso del tempo per fini di solidarietà sociale.I progetti presentati da CNA riguardano la possibilità di accedere ai finanziamenti a fondo perduto da destinare al miglioramento delle condizioni di lavoro per i dipendenti che hanno più problematiche di conciliazione.Carpenterie Reggiane è stata l’azienda prima classificata con il punteggio più alto pari a 79 punti tra tutti i partecipanti a livello nazionale. Il suo progetto dal titolo “La famiglia al centro. Azioni positive per sostenere mamme in azienda”ha ottenuto un finanziamento di Euro 15.092 e riguarda l’attivazione di azioni positive per sostenere i genitori in azienda, attraverso una convenzione con gli asili nido e incentivando il telelavoro. Non meno di pregio il punteggio pari a 72 punti ottenuto dall’altro progetto intitolato “Non solo mamme” presentato per la ditta Serigrafia 76 e incentrato sulla figura della baby sitter aziendale che l’ha classificata al trentaseiesimo posto in graduatoria, per un contributo di Euro 46.164.Grande soddisfazione anche dalle dichiarazioni della Presidente di CNA Impresa Donna Tiziana Elgari: “Siamo molto fieri che la piccola e media impresa, che da sempre esercita una flessibilità non formalizzata, sia stata premiata e con essa sia stato valorizzato il lavoro di CNA nella presentazione dei progetti di legge 53. Grazie a questi fondi verranno sostenute tante mamme e tante famiglie nel conciliare vita e lavoro, aumentando la produttività delle imprese ed il senso di appartenenza dei dipendenti. Continueremo a sostenere le nostre imprese e ad insistere su questi temi fondamentali, a sostegno di tante lavoratrici e lavoratori e tanti datori di lavoro che vogliono investire e valorizzare le proprie risorse umane”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet