Edison: Viero (Iren) inevitabile altro slittamento termini riassetto


reggio emilia 30 agosto –“Il 14 settembre”, data di scadenza per sancire il riassetto della governance di Edison, “e’ dietro l’angolo. Mi sembra inevitabile che si arrivi all’ennesimo slittamento dei termini, anche se l’a.d. di Edf, Henri Proglio, e’ stato chiaro nell’affermare che si potra’ posporre al massimo di altri due mesi”.Lo ha spiegato il direttore generale di Iren, Andrea Viero, durante la conference call di commento ai risultati del primo semestre.Il manager non ha voluto commentare le ultime indiscrezioni di stampa degli ultimi giorni, alcune delle quali hanno anche ipotizzato nuove ipotesi di trattativa che non prevedono alcuno spacchettamento degli asset di Edipower.”L’unica cosa certa”, ha aggiunto il manager, “e’ che ci opporremo con ogni mezzo a soluzioni che non prevedano un’adeguata valorizzazione di questo deal che non risulti proporzionale a quella degli altri soci”. Il riferimento e’ evidentemente ad A2A, che in Edipower e’ titolare di una quota del 20%, mentre a Iren fanno capo il 10% delle partecipazioni.A questo proposito, Viero ha anche ribadito che “Siamo molto determinati e riteniamo di avere tutti gli strumenti necessari, sia societari sia giuridici per riuscirci”.Rispondendo poi alla domanda di un analista che chiedeva maggiori delucidazioni sui termini dell’exit strategy di Iren da Edison, Viero ha sottolineato che “siamo combattivi per far si’ che il risultato di questa operazione non impatti sui conti. Siamo consci che sara’ molto difficile, ma cercheremo lo stesso di fare in modo che, anche se non ci riuscissimo, l’impatto sia cosi’ trascurabile da non impattare sui dividendi”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet