FIANDRE E IRS – ECO PERFORMANCE CON ACTIVE A MILANO


CASTELLARANO 3 FEBBRAIO Sabato 5 febbraio alle 16.00 in Piazza Duomo a Milano Active, il super-materiale che ripulisce l’aria dagli ossidi di azoto così come un albero, da vita al flash mob BE ACTIVE BE a TREE! per lanciare al mondo un messaggio eco-responsabile. Una grande performance ideata da Giuseppe La Spada, digital artist riconosciuto a livello nazionale internazionale nonché unico italiano ad aver vinto l’oscar del web, “Inspira, espira. Inspira, espira. Ricominciamo dal principio. Riportiamo l’aria alle origini. Ripuliamola. Non per un ideale, né per una filosofia impalpabile. Ma perché ne abbiamo bisogno. Formeremo un albero, il primo albero umano, il più grande mai esistito”.Con queste parole la Donna Albero, vero e proprio spirito digitale, si fa strada nella rete e lancia un appello chiamando a raccolta sabato 5 febbraio alle 16 in Piazza Duomo tutti coloro che vogliono difendere il diritto di respirare (v. facebook – parola chiave: be active be a tree).Una mobilitazione eco-responsabile che ha come ambasciatori principe i Gruppi GranitiFiandre e Iris Ceramica, la cui sensibilità nei confronti dell’ambiente ha portato allo sviluppo di un super materiale in grado di ripulire l’aria come un albero: Active Clean Air & Antibacterial Ceramic™, l’innovativo rivestimento per pareti e pavimenti eco-attivo, antinquinante e antibatterico che è la traduzione concreta di questo messaggio. Un grande gesto che non si ferma qui. Le fotografie e il video di Piazza Duomo con al centro il più grande albero umano mai esistito faranno infatti il giro del mondo attraverso i canali della rete, per poi replicarsi nelle piazze delle maggiori città del pianeta… perché respirare è un diritto globale. BE ACTIVE BE a TREE! è un’idea di Giuseppe La Spada, artista digitale e creativo, da sempre molto sensibile alle tematiche ambientali, unico italiano a vincere, nel 2007, un Webby Award grazie ad un progetto “eco friendly” sviluppato in collaborazione con il noto musicista Ryuitchi Sakamoto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet