Reggio cerca di salvare la Fiera e pensa a un’alleanza con Parma


reggio emilia 29 agosto Si è svolto in Regione un incontro alla presenza dei soci pubblici di Reggio Emilia Fiere con l’obiettivo di fare il punto sull’attuale situazione delle società del quartiere fieristico reggiano. L’incontro ha rappresentato una costruttiva occasione di confronto, nell’intento di sciogliere i nodi relativi alla situazione che si è creata negli ultimi anni e che ha portato alla proposta di concordato presentata al tribunale. Tutti sono stati d’accordo sulla necessità di collaborare e intervenire per un rilancio di Reggio Emilia Fiere, in particolare attraverso: il sostegno e il rilancio industriale; l’individuazione di collaborazioni e partnership strategiche; la salvaguardia e la gestione del patrimonio immobiliare. Nell’ambito di una più ampia strategia di tutela e rafforzamento dell’intero sistema fieristico regionale, pensato come quello previsto dalla legge regionale – e in particolare del suo comparto agro-alimentare che rimane una delle priorità comuni – occorre compiere ogni possibile sforzo per implementare una strategia unitaria e un’alleanza lungo l’asse della Via Emilia, capace a sua volta di allargare gli orizzonti e relazionarsi con le evoluzioni del sistema fieristico regionale, nazionale e internazionale. Il riferimento è in particolare ai poli fieristici integrati del sistema regionale di Parma, Bologna, Rimini e del nord d’Italia, anche in previsione di Expo 2015 e considerando anche la valorizzazione della stazione Mediopadana.Nella realizzazione di questo percorso – orientato alla valorizzazione il comparto agro-alimentare emiliano – si ritiene necessaria la ricerca e l’esame di tutte le possibili ipotesi per un protagonismo territoriale locale, verificando se ci siano le condizioni per un’alleanza e collaborazione col vicino quartiere fieristico parmense. A questo proposito si terrà a breve un nuovo incontro con la Regione, i soci pubblici di Reggio Emilia Fiere, insieme ai rappresentanti della società Fiere di Parma.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet