Semestrale “luci e ombre” per la Landi Renzo


REGGIO EMILIA 29 AGOSTO Il Consiglio di Amministrazione di Landi Renzo SpA, riunitosi oggi sotto la presidenza di Stefano Landi, ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2011 e ha nominato Paolo Cilloni, attuale Direttore Finanziario, Direttore Generale del Gruppo.“I risultati del primo semestre 2011 – ha dichiarato Claudio Carnevale, Amministratore Delegato di Landi Renzo – sono caratterizzati da un secondo trimestre che segna una decisa inversione di tendenza rispetto ai primi tre mesi dell’anno, evidenziando la capacità del Gruppo di cogliere le opportunità emerse nei vari paesi che hanno scelto di utilizzare i carburanti alternativi in maniera sistematica, in quanto meno inquinanti e più economici per l’intera comunità. La nostra priorità strategica è rafforzare la flessibilità del Gruppo nel cogliere le nuove opportunità di mercato mondiale. Nella prospettiva di potenziare il team manageriale di vertice e rafforzare il modello di Governance della Società, si inserisce la nomina a Direttore Generale del Gruppo di Paolo Cilloni, la cui professionalità sarà determinante nell’ottimizzare e migliorare l’efficienza organizzativa del Gruppo.”Risultati economici consolidati al 30 giugno 2011I Ricavi Netti del Gruppo sono pari a 127,7 milioni di euro, in diminuzione del 25,8% rispetto ai 172,1 milioni di euro al 30 giugno 2010.Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è pari a 10,9 milioni di euro, in diminuzione del 66,7% rispetto ai 32,6 milioni di euro dei primi sei mesi del 2010.Il Margine Operativo Netto (EBIT) è pari a 1,8 milioni di euro, contro i 27,3 milioni di euro del primo semestre 2010.Alla diminuzione del margine operativo netto, concorrono ulteriori 1,4 milioni di euro dovuti all’incremento degli ammortamenti per effetto della definizione della Purchase Price Allocation su Baytech Corporation, acquisita a fine luglio 2010, nonché al conseguente ammortamento dei Costi di Sviluppo e del Marchio della controllata statunitense. Si precisa che tale importo ha natura meramente contabile, senza impatto negativo sul flusso di cassa aziendale.Il Risultato prima delle imposte è negativo per 1,7 milioni di euro, a fronte di un utile prima delle imposte pari a 28,2 milioni di euro nel primo semestre 2010.Il Risultato Netto del primo semestre 2011 è negativo per 2,4 milioni (positivo per 18,5 milioni di euro al 30 giugno 2010).Analisi dei ricaviIl segmento metano torna ad essere quello più importante, grazie alla ripresa dei mercati che tipicamente utilizzano questa risorsa come uno dei principali carburanti per il settore trasporti. Rispetto al primo semestre 2010, i ricavi derivanti dalle vendite di sistemi Metano (in crescita del 30,8% e pari a 61,4 milioni di euro) hanno raggiunto il 48,1% del totale. Le vendite dei sistemi GPL si attestano al 46,7%, mentre il restante 5,2% è relativo agli altri business.In termini di distribuzione geografica, il Gruppo ha realizzato all’estero l’82,9% del fatturato consolidato (25,9% nell’area europea e 57,0% nell’area extra europea). In particolare, le vendite nette nei mercati extraeuropei sono aumentate del 37,8%, attestandosi a 72,8 milioni di euro al 30 giugno 2011. L’ottimo risultato in questi paesi è stato raggiunto grazie alla capacità dell’azienda di cogliere in modo efficace nuove opportunità commerciali e di sfruttare le condizioni favorevoli di mercato. Rispetto al primo semestre 2010: l’Asia Sud-Occidentale ha registrato una crescita del 43,4%, continuando il trend iniziato nella seconda parte del 2010. l’America ha registrato una crescita del 38,8% grazie alla ripresa delle vendite, in particolare sul mercato sudamericano, nel quale il Gruppo ha mantenuto un forte e costante presidio. il Resto del Mondo ha registrato un incremento del 28,1% per effetto del buon andamento della domanda di sistemi metano, in particolare in Asia. L’Italia e il Resto dell’Europa si assestano sui 55,0 milioni di Euro, in calo di oltre il 50,0% in ragione della riduzione delle vendite sul canale OEM.Risultati patrimoniali e finanziari consolidati al 30 giugno 2011La Posizione Finanziaria Netta è negativa e pari a 80,4 milioni di euro; il dato è sostanzialmente in linea con quello al 31 marzo 2011 (negativo per 78,8 milioni di euro), nonostante il pagamento di dividendi per 6,2 milioni di euro.Il Patrimonio Netto è pari a 142,2 milioni di euro, rispetto ai 145,6 milioni di euro al 31 marzo 2011 e ai 152,7 milioni di euro al 31 dicembre 2010Nomina del nuovo Direttore Generale del GruppoIl Consiglio di Amministrazione ha altresì nominato Paolo Cilloni Direttore Generale del Gruppo, promuovendo le sue capacità professionali – di cui ha già dato ampiamente prova nella sua permanenza ventennale in azienda – nel dare contributi importanti e determinanti per la gestione e l’evoluzione del business. Nell’esecuzione delle sue attività, Paolo Cilloni avrà come particolare focus l’ottimizzazione della struttura del Gruppo.Outlook 2011Considerando le difficoltà legate all’estrema incertezza dello scenario macroeconomico internazionale, ci si attende che l’anno in corso venga chiuso con un fatturato compreso tra 260 e 280 milioni di euro ed un EBITDA margin compreso tra l’8% e il10%.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet