approvato il bilancio di Bioera (in liquidazione)


CAVRIAGO 29 APRILE – Il Collegio dei Liquidatori di Bioera S.p.A. in liquidazione, primario operatore attivonella produzione e distribuzione dei prodotti biologici e naturali, riunitosi in data odierna, ha esaminato edapprovato il Progetto di Bilancio di esercizio di Bioera S.p.A. in liquidazione chiuso al 31 dicembre 2010,ed ha approvato il Bilancio consolidato del Gruppo Bioera relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2010.La situazione economica del Gruppo evidenzia ricavi che passano da Euro 120,7 milioni a Euro 69,7milioni nell’esercizio corrente, registrando un decremento di Euro 51 milioni (-42%). Il decremento dellevendite è attribuibile per la maggior parte alla divisione “fuori casa”, dove i ricavi passano da Euro 78,7milioni nell’esercizio 2009 a Euro 27,7 milioni nell’esercizio 2010 (-65%), prevalentemente in relazione aldeconsolidamento del Gruppo Natfood e al fatto che la contribuzione ai ricavi del consolidamento diCDD per l’esercizio 2010 si riferisce solo a nove mesi e non all’intero esercizio. A parità di area diconsolidamento, la voce aumenta di Euro 2,9 milioni, passando da Euro 66,7 milioni a Euro 69,7 milioni.Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) passa da Euro 1,4 milioni a Euro 1,2 milioni nell’esercizio 2010 (-19%). A parità di area di consolidamento, l’EBITDA passa, da un valore sostanzialmente pari a zero, aEuro 1,2 milioni.L’analisi della situazione patrimoniale del Gruppo evidenzia un capitale circolante netto che passa da unvalore positivo di Euro 4,9 milioni al 31 dicembre 2009 (restated) a un valore negativo di Euro 3,0 milionial 31 dicembre 2010; il capitale circolante netto positivo dello scorso esercizio era sostanzialmentedeterminato dall’elevato valore delle rimanenze del Gruppo Natfood.Il capitale investito netto è pari a Euro 16,4 milioni al 31 dicembre 2010, presentando un decremento perEuro 16,1 milioni rispetto al precedente esercizio, dovuto principalmente all’effetto della variazionedell’area di consolidamento, che ha determinato un impatto significativo principalmente sulleimmobilizzazioni materiali e sul capitale circolante.L’indebitamento finanziario netto del Gruppo evidenzia un miglioramento per Euro 17,5 milioni, passandoda Euro 42,9 milioni al 31 dicembre 2009 (restated) a Euro 25,4 milioni al 31 dicembre 2010. A parità diarea di consolidamento, l’indebitamento finanziario netto migliora di Euro 7,3 milioni. Tale miglioramentoè riconducibile principalmente all’estinzione del debito di Euro 5,0 milioni attraverso la cessione di unapartecipazione azionaria pari al 31,4% di Ki Group.Risultati della Capogruppo Bioera S.p.A. in liquidazioneLa capogruppo Bioera S.p.A. in liquidazione ha continuato nella propria attività di controllo ecoordinamento delle società appartenenti al Gruppo.Bioera S.p.A. in liquidazione ha chiuso l’esercizio 2010 con un EBITDA negativo per 2,3 milioni di euro inmiglioramento rispetto ai 3,3 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2009; al 31 dicembre 2010 la perditanetta di Bioera S.p.A. in liquidazione è stata pari a 3,4 milioni di euro in miglioramento rispetto ai 27,6milioni registrati al 31 dicembre 2009.2La posizione finanziaria netta della Capogruppo al 31 dicembre 2010 è negativa per 32,2 milioni rispetto al31 dicembre 2009 quando era negativa per 37,2 milioni di euro.Restatement dello stato patrimoniale 2009 per effetto di errori pregressiSi precisa che la situazione patrimoniale e finanziaria inclusa nel bilancio di esercizio e consolidato di BioeraS.p.A. in liquidazione e del Gruppo Bioera chiusi al 31 dicembre 2009 è stata oggetto di un restatement pererrori pregressi in conformità a quanto previsto dal principio contabile IAS 8; pertanto, i dati patrimoniali efinanziari inclusi ai fini comparativi nel bilancio di esercizio e consolidato di Bioera S.p.A. in liquidazione edel Gruppo Bioera chiusi al 31 dicembre 2010 differiscono dai precitati dati dell’esercizio 2009.Evoluzione prevedibile della gestione e continuità aziendaleLa proposta di concordato contenuta nel ricorso depositato da Bioera S.p.A. in liquidazione ed omologatadal Tribunale di Reggio Emilia con decreto depositato il 2 febbraio u.s., si è caratterizzata per uno scenariodi ristrutturazione del debito e risanamento dell’impresa, articolato anche attraverso un aumento di capitalein più tranche che proseguirà nei prossimi mesi. Ad oggi, infatti, lo stesso risulta già eseguito con riferimentoalla sottoscrizione della prima tranche di aumento del capitale sociale, pari a Euro 9,0 milioni, da parte diBiofood Italia S.r.l..La Capogruppo Bioera S.p.A. in liquidazione svolge attualmente un’attività pura di holding di partecipazioni,e pertanto il fabbisogno per la sua operatività risulta estremamente contenuto; le società operative delGruppo continuano la loro normale attività, risentendo ancora, in taluni casi, di una limitazione all’utilizzodegli affidamenti dovuta alle note vicende che hanno riguardato il Gruppo Mariella Burani Fashion Group.A tale riguardo, si sottolinea comunque che, successivamente all’avvenuta omologa del concordatopreventivo di Bioera S.p.A. in liquidazione e all’aumento di capitale riservato effettuato da Biofood ItaliaS.r.l., il sistema bancario si è dimostrato disponibile a discutere, e in talune circostanze già a deliberare,l’apertura di nuove linee di fido commerciale.Come già riportato, in data 14 febbraio 2011, la società Biofood Italia S.r.l. ha eseguito gli aumenti di capitaleriservati all’investitore Ing. Canio Giovanni Mazzaro, con una immissione di liquidità pari a Euro 3,0 milionie l’assunzione diretta di debiti finanziari per Euro 6,0 milioni; in aggiunta, gli effetti derivanti dall’omologadel Concordato Preventivo sul bilancio consolidato del Gruppo Bioera si sono esplicitati in una riduzione divoci debitorie e di fondi del passivo per circa Euro 10,3 milioni e in una riclassifica tra debiti finanziari abreve termine e debiti finanziari a lungo termine per Euro 4,2 milioni circa.Al 31 marzo 2011 risultano eseguiti i pagamenti dei creditori chirografari, privilegiati e/o in prededuzione(ad eccezione di quelli in contestazione), in linea con quanto previsto dalla Procedura di ConcordatoPreventivo in fase di esecuzione.Eventi di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio 2010Con decreto del 2 febbraio 2011 il Tribunale di Reggio Emilia ha omologato il Concordato Preventivopresentato dalla Società. A seguito di tale omologa, sono intervenuti i seguenti eventi:-3- nel mese di febbraio 2011 si è perfezionato l’aumento di capitale di Bioera S.p.A. in liquidazioneper un ammontare di Euro 9,0 milioni riservato all’Ing. Canio Giovanni Mazzaro. Alla data odierna,pertanto, il capitale sociale di Bioera S.p.A. in liquidazione, interamente versato e sottoscritto,risulta pari a € 9.000.125, detenuto, per € 9.000.000, da Biofood Italia S.r.l.;- con delibera dell’assemblea straordinaria del 25 marzo 2011 la Società ha, tra l’altro, deliberato larevoca dello stato di liquidazione, evento che diventerà efficace decorsi sessanta giornidall’iscrizione della stessa (e pertanto il 30 maggio 2011);- in data 26 aprile 2011 si è concluso l’aumento di capitale deliberato dalla controllata KI GroupSpA. A seguito di tale operazione, in considerazione della sottoscrizione da parte di Bioera SpA inliquidazione anche delle azioni non sottoscritte da altri azionisti, la percentuale di partecipazionedetenuta in KI Group SpA da Bioera SpA in liquidazione risulta, alla data odierna, pari al 99,92%.Inoltre, sono in corso le attività finalizzate alla riammissione del titolo alle negoziazioni di Borsa, che èattualmente prevista nei primi mesi della prossima estate, in concomitanza con l’ulteriore tranchedell’aumento di capitale destinato al mercato come da delibera assembleare del novembre 2010.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet