BCC BANCA REGGIANA: NUOVA FILIALE A CASTELNOVO SOTTO


reggio emilia 28 settembre E’ una Banca Reggiana in piena saluta quella che ieri ha inaugurato a Castelnovo Sotto ha inaugurato la sua ventiquattresima filiale, la diciassettesima nella nostra provincia.“Un istituto di Credito Cooperativo – ha detto il presidente lai – in cui crescono raccolta e impieghi in un apporto virtuoso con l’economia e le comunità locali: la nostra liquidità, infatti, non viene depositata alla BCE come accade quando gli istituti di credito non hanno fiducia l’uno nell’altro, ma si traduce in impieghi a favore delle famiglie, delle imprese dell’agroalimentare, dell’artigianato, dell’industria, dell’edilizia e del commercio, rappresentando in al modo un sostegno a quell’economia reale che va sostenuta affinché riprenda la via della crescita e dell’occupazione”.L’apertura della nuova filiale – come ha ricordato il sindaco di Castelnovo Sotto, Simone Montermini, appare peraltro in controtendenza rispetto ad un sistema di credito che, anche in Emilia-Romagna e nel reggiano, ha ridotto il numero degli sportelli.Per Banca Reggiana, quella inaugurata ieri è la quarta filiale aperta in due anni e mezzo (tra queste quelle di Reggio centro storico e Sant’Ilario), “ed è uno sviluppo nel territorio – ha sottolineato il direttore di Banca Reggiana, Marco Piccinini – che corrisponde alla volontà di essere un forte punto di riferimento per le comunità locali, le imprese, le famiglie e i risparmiatori, specie nel momento in cui continuano ad essere investiti dalla crisi e hanno bisogno di sostegni concreti per reggere impatti molto pesanti su redditività e occupazione e, al contempo, di continuare a costruire elementi di sviluppo”.Banca Reggiana ha chiuso il 2010 con una raccolta complessiva pari a 964 milioni di euro, una raccolta diretta salita a 704,93 milioni (+2,66%) e impieghi per 660,5 milioni (+ 4,53%). Oggi – è stato ricordato nel corso dell’inaugurazione – Banca Reggiana conta oltre 11.200 soci, con una crescita di 855 unità rispetto al 31 dicembre 2010, anno in cui la base sociale già era aumentata di 993 unità; il capitale sociale si attesta a 12,105 milioni e un patrimonio di oltre 80 milioni: una cifra che rappresenta oltre il 10% dei circa 700 milioni di impieghi, “rendendo evidente – ha detto lai – una solidità che è garanzia per i risparmiatori, per i soci, per il sistema economico nel suo complesso”.All’inaugurazione del nuovo sportello erano presenti, tra gli altri, l’assessore provinciale alle risorse umane ed economico-finanziarie, Antonietta Acerenza, il consigliere regionale Roberta Mori, il presidente di Confapi, Cristina Carbognani e, in rappresentanza della Federazione regionale delle BCC, il viceridettore Paolo Melega.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet