CONFARTIGIANATO REGGIO A.A.A. periti industriali e manodopera qualificata


REGGIO EMILIA 28 GENNAIO In questi giorni migliaia di giovani e famiglie sono impegnati nella scelta della scuola superiore. A loro il Presidente di Confartigianato Imprese Reggio Emilia Rodolfo Manotti lancia un appello: “Valutate con attenzione le proposte degli istituti che formano periti industriali e manodopera specializzata, perchè queste professionalità tecniche trovano buone possibilità di occupazione in un territorio come il nostro”.Prosegue il Presidente: “Senza nulla togliere alla formazione liceale, bisogna però prendere in seria considerazione il paradosso che nel nostro paese vede più di 16 milioni di giovani senza lavoro, e al contempo imprese che non sono in grado di soddisfare il 26,7% del loro fabbisogno di manodopera. Questi dati sulla difficoltà dei giovani a entrare nel mondo del lavoro che emergono dall’ultimo rapporto Ocse, sommati a quelli da tempo denunciati dall’Ufficio studi di Confartigianato sulla difficoltà delle aziende a reperire certe figure professionali, ci impongono la necessità di una seria riflessione sul modo in cui è indirizzato e strutturato il nostro sistema formativo”.A tal proposito, Manotti conclude sull’aggregazione del Lombardini al Nobili voluta dalla Provincia, che scalda in questi giorni gli animi di genitori e studenti: “Guardiamo con speranza e ottimismo la creazione a Reggio Emilia di un grande e qualificato polo tecnico-professionale. Dal canto nostro, come imprenditori, apriremo le porte delle nostre aziende ai giovani che sceglieranno questo percorso come opportunità di crescita e formazione sul campo”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet