EMAK APPROVA AUMENTO CAPITALE E PIANO INDUSTRIALE


BAGNOLO IN PIANO 27 SETTEMBRE Il Consiglio di Amministrazione di Emak S.p.A. ha deliberato indata odierna di dare attuazione alla delega, conferitagli dall’Assemblea Straordinaria del 20 settembre 2011,ad aumentare il capitale sociale in via scindibile per un controvalore massimo di 58 milioni di eurocomprensivo dell’eventuale sovrapprezzo, mediante emissione a pagamento di azioni ordinarie, del valorenominale di 0,26 euro, godimento regolare, da offrire in opzione agli azionisti di Emak S.p.A. in proporzioneal numero di azioni possedute.Le condizioni di emissione saranno fissate da un successivo Consiglio di Amministrazione, che saràconvocato, a valle del completamento delle procedure autorizzative, nei giorni immediatamente precedentil’avvio dell’offerta. In tale occasione il Consiglio di Amministrazione provvederà inoltre a determinare ilprezzo di emissione, il numero di azioni da emettere e, pertanto, l’importo definitivo dell’aumento di capitalee il conseguente rapporto di assegnazione in opzione nonché il prezzo di emissione che sarà determinatotenuto conto, tra l’altro, della prassi per operazioni similari, delle condizioni del mercato in generale e dellequotazioni della azione di Emak S.p.A., nonché dell’andamento economico, patrimoniale e finanziario dellasocietà stessa e del gruppo ad essa facente capo.Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato di procedere alla presentazione a Consob, ai fini delrilascio del provvedimento di autorizzazione alla relativa pubblicazione, della bozza del prospetto informativorelativo all’offerta.Yama, azionista di maggioranza di Emak, si è già impegnata a sottoscrivere per intero la quota di aumentodi capitale di propria competenza. Per la parte residua dell’aumento di capitale, l’offerta in opzione saràassistita da una garanzia promossa e diretta da Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A., cheagirà in qualità di Global Coordinator e Bookrunner dell’aumento di capitale, in base ad un accordo digaranzia da finalizzarsi nell’imminenza del lancio dell’aumento di capitale.L’importo complessivo dell’aumento di capitale sarà interamente utilizzato per finanziare l’acquisizione del100% del Gruppo Comet, del Gruppo Tecomec, di Sabart e di Raico.Il progetto consentirà al nuovo gruppo di esprimere un significativo potenziale di creazione di valoreattraverso il raggiungimento dei seguenti obiettivi:· Significativo aumento della dimensione del Gruppo, fattore chiave di successo per competere neimercati internazionali.· Ampliamento dell’offerta di prodotti/servizi nel settore delle macchine, accessori e componentisticaper giardinaggio, forestale, agricoltura e industria con elevato posizionamento competitivo in alcunisegmenti specifici.· Significativi benefici derivanti da opportunità di cross-selling sulla rete e sulla clientela, facendo levasulla copertura distributiva del gruppo integrato sui mercati internazionali.· Integrazione delle risorse tecnologiche, produttive e manageriali delle rispettive aziende, con unlimitato rischio derivante dall’integrazione ed un impatto positivo sull’efficienza operativa.· Maggiore flessibilità finanziaria a livello di gruppo a supporto dei progetti di crescita sia organica cheper linee esterne in segmenti caratterizzati da elevata attrattività del business e redditività.Emak S.p.A. Member of the Yama Group • Via Fermi, 4 • 42011 Bagnolo in Piano (Reggio Emilia) ITALYTel. +39 0522 956611 • Fax +39 0522 951555 – info@emak.it • www.emak.itCapitale Sociale Euro 7.189.910 Interamente versato • Registro delle Imprese N. 00130010358 • R.E.A. 107563Meccanografico RE 005145 • C/C Postale 11178423 • Partita IVA 00130010358 • Codice Fiscale 00130010358In data odierna il Consiglio di Amministrazione di Emak ha inoltre approvato il piano triennale 2011-2013 delnuovo gruppo dell’Emittente (il “Piano Industriale”).Il Piano industriale 2011 – 2013 si pone l’obiettivo del raggiungimento, con inclusione delle sinergie relativeal biennio 2012 e 2013, dei seguenti principali dati previsionali:- Ricavi (dato pro-forma) per l’esercizio 2011 pari a circa Euro 350 milioni;- Ricavi per l’esercizio 2013 pari a circa Euro 420 milioni;- Ebitda (dato pro-forma) per l’esercizio 2011 pari a circa Euro 38 milioni;- Ebitda per l’esercizio 2013 pari a circa Euro 58 milioni;L’operazione si inquadra nella strategia di crescita del gruppo Emak, dando vita ad un polo industriale cheintegra importanti realtà leader nell’ambito delle macchine, degli accessori e della componentistica per isettori giardinaggio, forestale, agricoltura e industria.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet