IMMERGAS EUROPE: I PRIMI 4 ANNI- IL MANAGING DIRECTOR LEONARDO PERLA ELETTO VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SLOVACCA


LENTIGIONE DI BRESCELLO 27 GIUGNO Il piano di sviluppo su scala internazionale lanciato nel 2006 da Immerfin per dare una dimensione produttiva internazionale alla Immergas di Brescello ha pienamente centrato gli obiettivi: “Ci sono mercati che impongono una presenza produttiva locale e Immergas Europe, grazie allo stabilimento in Slovacchia, ha aperto nuove e concrete opportunità su mercati confinanti in via di ulteriore crescita (Romania, Ucraina, Ungheria, Polonia ma anche su quelli più lontani come Iran, Russia e Cina) grazie a linee di prodotto progettate e realizzate sulla base delle esigenze specifiche di quei paesi”. Nelle riflessioni a quasi quattro anni dall’inaugurazione dello stabilimento di Poprad di Alfredo Amadei, Vicepresidente di Immergas, c’è la consapevolezza che il trend positivo avviato da Immergas Europe continuerà: il fatturato è passato da 6 milioni di euro nel 2008 a 29 milioni nel 2011 e la proiezione 2012 porta le vendite a oltre 30 milioni.Le vendite sono in aumento, anche nei primi mesi del 2012, e compensano le flessioni registrate da altri mercati dove la crisi economica pesa sul settore immobiliare e sulle forniture legate alla casa. La linea di crescita di Immerfin, che mantiene saldamente in Italia il cuore e il cervello, punta anche verso nuovi orizzonti e non sono esclusi nuovi insediamenti produttivi all’estero dove il know how produttivo di Immergas può rappresentare un vantaggio competitivo importante. La produttività dello stabilimento slovacco è alta: 75 mila caldaie nel 2009 che sono diventate 120 mila nel 2011. La proiezione sul 2012 porta la produzione a 130 mila caldaie. “Il nostro investimento in Slovacchia – commenta Alfredo Amadei – è stato ripagato in fretta grazie al sostegno che le aziende trovano in un sistema paese davvero “investor friendly” (agevolazioni fiscali e incentivi all’insediamento di nuove imprese con tempi di attivazione rapidissimi) ma anche grazie alle risorse umane che nel distretto industriale di Poprad si sono formate grazie alla presenza di grandi aziende multinazionali”. E’ bastato un anno di “cantiere” per arrivare al 9 settembre 2008 quando lo stabilimento di Poprad è stato inaugurato. “E’ stato un investimento importante: 5 milioni di euro – aggiunge Alfredo Amadei – su un’area di 8 mila metri quadrati abbiamo realizzato un’unità produttiva articolata su 200 metri di uffici, 3000 dedicati alla produzione e 5000 di magazzino e logistica”. Oggi le linee produttive a Poprad sono 3, impiegate con una capacità di oltre 500 pezzi al giorno, producono le gamme Star, Julius, Caesar, Super Caesar e lo stabilimento ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2008 rilasciata dal prestigioso ente TUV Italia.Fin da quando il Presidente Romano Amadei fissò, dopo attente analisi, “nel cuore dell’Europa” il primo stabilimento produttivo fuori dai confini nazionali di Immerfin, segue lo sviluppo di Immergas Europe il Managing Director Leonardo Perla. “Siamo di fronte a risultati importanti – spiega Perla – che si possono definire consolidati. Il numero di addetti è salito da 40 nel 2008 a circa 100 nel 2012. Sono giovani e tecnicamente preparati. Il livello di qualità delle produzioni è alto. Le linee Star e Julius/Caesar sono dotate di apparecchiature test calibrate sullo standard qualitativo della casa madre italiana ma con i vantaggi competitivi che il sistema paese Slovacchia garantisce e questo aspetto, unito alla presenza di filiali diffusa in tutta l’area servita dalle produzioni realizzate in Slovacchia, è certamente un ottimo biglietto da visita”.A riprova del ruolo che Immergas Europe ha conseguito in quasi quattro anni di presenza in Slovacchia, Leonardo Perla nella capitale Bratislava è stato nominato Vicepresidente e membro del consiglio esecutivo della Camera di Commercio Italo-Slovacca (CCIS). La Camera di Commercio Italo-Slovacca è un’organizzazione non governativa internazionale, nata come libera associazione senza scopo lucro a carattere bilaterale. Ufficialmente riconosciuta dal Ministero per lo Sviluppo Economico, è membro di Assocamerestero, l’associazione che riunisce le Camere di Commercio Italiane all’Estero in sinergia con Unioncamere. La video news che contiene le interviste di Alfredo Amadei e Leonardo Perla è già disponibile sul canale youtube.com/immergasitalia. Scheda ImmerfinNata nel 1964 e specializzatasi rapidamente nella progettazione e costruzione di caldaie a gas per uso domestico, Immergas è oggi una realtà in costante espansione. La sede di Brescello (RE) conta un organico di oltre 600 dipendenti e una superficie coperta di oltre 50.000 metri quadrati. Dal 1998 Immergas è brand leader in Italia nel settore delle caldaie a gas tradizionali e dal 2002 lo è anche nel campo delle caldaie a condensazione, un settore nel quale Immergas è stata per vari aspetti anticipatrice dell’evoluzione del mercato. Il business di Immergas sui mercati internazionali è cresciuto notevolmente negli ultimi anni. La rete commerciale di Immergas è presente in 30 paesi, con 8 filiali in Europa e una in Cina e con partecipazioni in importanti aziende in tutto il mondo. Le unità produttive sono localizzate a Brescello (RE) e a Poprad (Slovacchia) per un totale di circa 650 dipendenti.Nel 2011 il Gruppo Immerfin che controlla Immergas e Immergas Europe ha registrato un fatturato consolidato di circa 240 milioni di euro (+4% rispetto al 2010). Immergas è la principale azienda della holding Immerfin, la quale controlla anche le filiali commerciali site in Inghilterra (Alpha Therm), Ungheria (Immergas Hungaria kft), Polonia (Immergas Polska z.o.o.), Turchia (Immergas Turkey), Slovacchia (Immergas s.r.o.), Romania (Immergas Romania), Cina (Immergas Beijing), Russia (Immergas ooo) e Grecia (Immergas Hellas), che Immerfin possiede al 100%.Immergas vende all’estero il 60% della produzione totale che ammonta a 310mila apparecchi, un terzo nel comparto dei generatori di calore ad alta efficienza.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet