CNA ESTERO FA BUSINESS CON IL BRASILE – CNA REGGIO


REGGIO EMILIA 27 APRILE Giornate dense di appuntamenti per CNA Servizio Estero che dopo aver dato il via al ciclo di seminari di Ester 2011, si prepara a far volare le imprese reggiane alla fiera Agrishow di Ribeirao Preto, nello Stato di San Paolo del Brasile, il principale appuntamento degli operatori brasiliani e sudamericani nel settore delle macchine agricole. Dal 2 al 6 maggio saranno otto le imprese che, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, la Camera di Commercio di Reggio Emilia, l’ICE, le Ambasciate di entrambi i Paesi e Unicredit, parteciperanno alla missione economica nell’ambito del progetto “Valorizzazione internazionale della filiera meccanica agricola in Brasile”, un passo decisivo per entrare nel mercato di una nazione che da sola detiene il 22% della superficie arabile del mondo. Il contesto poi è particolarmente propizio perché il progetto si inserisce nella rassegna biennale Momento Italia-Brasile 2011-2012.Ma prima di stringere accordi economici con un Paese vasto 28 volte l’Italia e che negli ultimi anni si è affermato come leader per franchising, cura del cliente e formazione manageriale, bisogna conoscerne alla perfezione, oltre a cultura, usi e consumi, la politica economica e doganale, i settori di maggiore interesse per il made in Italy e il sistema bancario. E’ proprio nel perseguire una completa conoscenza del contesto brasiliano che ieri al Classic Hotel di via Pasteur si è tenuto il primo seminario del ciclo Ester 2011, che dopo la fortunata edizione dello scorso anno, è tornato con l’approfondimento di Fabrizio Ceriello, consulente dell’Istituto nazionale per il Commercio Estero. “Anche se ancora classificato tra i paesi in via di sviluppo il Brasile è una grande fucina di talenti che ha tanto da insegnare – ha spiegato il dott. Ceriello invitando i presenti a evitare ogni forma di presunzione da colonizzatori – autonomo per risorse energetiche, all’avanguardia per comunicazione e marketing, nel 2030 si prevede che sarà la quarta potenza del mondo. Le aziende che decidono di aprire un mercato in questo vastissimo Paese devono per prima cosa darsi un obiettivo preciso e poi mettere nero su bianco una precisa strategia consapevoli che, se le prospettive di crescita del mercato fanno venire l’acquolina in bocca, allo stesso tempo le tariffe doganali sfavoriscono gli scambi con gli stati estranei al Mercosul, il mercato comune dell’America meridionale”. “Sono queste le ragioni che hanno spinto CNA Estero a guardare con attenzione verso quel paese – sottolinea Fabrizio Ferrarini, direttore di CNA Estero – e con i seminari Ester 2011 vogliamo supportare adeguatamente le imprese che si preparano ad affrontare quel mercato che è ricco di opportunità se conosciuto anche negli aspetti meno positivi”. Infatti, sarà sempre al Brasile, paese dalle crescenti potenzialità economiche che dal 2011 è oggetto di finanziamenti internazionali e grandi investimenti, che saranno dedicati altri due incontri sempre al Classic Hotel con due esperti di international business. Mercoledì 4 maggio alle 14.30 con il dottor Andrea Tirelli sullo specifico tema dei “Finanziamenti internazionali e il sostegno pubblico all’export” e mercoledì 18 maggio alle 14.30 con il dottor Gianfranco Ardenti su “Come organizzare l’ingresso in un nuovo mercato, in particolare quello brasiliano”. Dopo aver analizzato aspetti economici, sociali e culturali del Brasile, gli incontri di Ester 2011 proseguiranno fino al 20 dicembre andando ad approfondire altre realtà strategiche per l’export: Paesi Arabi, Russia, Turchia e India.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet