ASTER- REGIONE ER SUN GEN, UNA START UP DA CASTELNUOVO MONTI ALLA SILICON VALLEY


REGGIO EMILIA 6 LUGLIO Da Castelnuovo Monti alla Silicon Valley. Un’occasione importante per conoscere i big dell’innovazione, ma anche e soprattutto per trovare finanziatori e crescere ancora. È la parabola di Sun Gen (http://www.sungen.it), una start up nata nel 2008 grazie al sostegno del programma regionale Spinner 2013, entrata da qualche mese nella community del portale Emilia-Romagna Start Up, gestito da Aster, e selezionata per partecipare all’ USA TRIP promosso da Climate-KIC.“Noi non avevamo fatto molto caso a questa opportunità invece in pochi giorni – spiega l’amministratore di Sun Gen Ugo Manfredi – la nostra candidatura per il tour negli Stati Uniti è stata accettata. Oggi siamo ad Amsterdam per l’incontro preparatorio e a settembre arriveremo nel tempio della tecnologia USA, dove cercheremo anche investitori per finanziare l’inizio della produzione dei nostri impianti, trovare eventuali partner per i mercati esteri, brevettare le parti più innovative a livello internazionale”.L’iniziativa è offerta dalla Climate Kic, una delle Comunità della conoscenza e dell’innovazione create dallo European Institute of Innovation and Technology per catalizzare le eccellenze, a cui Aster partecipa come referente regionale. “L’obiettivo – spiega il direttore generale di Aster Paolo Bonaretti – è creare una nuova generazione di innovatori per una società a ridotte emissioni di CO2”. Caratteristiche che si sposano in pieno con Sun Gen.Fondata nel 2008, la start up reggiana opera nel campo del l’energia solare a 360 gradi (solare termico, solare fotovoltaico e cogenerazione). Due le linee di prodotto finora ideate. La prima si propone di realizzare un concentratore solare, capace di convogliare la luce del sole su un’area 500 volte più piccola dove è installato uno scambiatore che converte la luce in calore, raggiungendo temperature sei volte più alte rispetto ai classici pannelli piani. Non solo: il concentratore è dotato di un sistema di inseguimento solare che, governato da una centralina elettronica, consente di produrre un 30% di energia in più.Il secondo prodotto – previsto per fine 2012 – è un cogeneratore fotovoltaico che, come il precedente, concentra la luce su un’area 500 volte più piccola, al cui interno è installato un sistema a moduli fotovoltaici con celle ad alto rendimento. Può produrre, contemporaneamente, 3kw elettrici e 5kw termici. Il cogeneratore ha un rendimento prossimo al 40%, cioé doppio di quello del silicio usato nei pannelli fotovoltaici piani; inoltre, producendo sia elettricità che calo re, aggiunge un ulteriore elemento di risparmio economico e di ingombri. Ma l’intera produzione di Sun Gen è ‘a misura d’ambiente’ anche sotto un altro profilo. Grazie al sistema di inseguimento solare l’ombreggiamento prodotto dagli impianti a concentrazione – montati su pali – non è continuo: in questo modo è possibile fare un doppio utilizzo delle superfici occupate, destinandole a usi agricoli o civili oltre che alla produzione energetica. Gli impianti sono completamente autonomi, controllati da computer, dotati di numerosi sensori che ne garantiscono la sicurezza, gestiti remotamente tramite GSM/GPRS/UMTS.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet