CAR SERVER: NUOVO FINANZIAMENTO IN POOL PER 18 MLN DI EURO


REGGIO EMILIA 25 MARZO Car Server Spa, la prima azienda di noleggio a lungo termine a capitale interamente italiano, ha ottenuto un nuovo finanziamento in pool organizzato da Cariparma e sottoscritto da Banca Popolare dell’Emilia-Romagna e Banco Popolare di Verona, insieme alla capofila. L’operazione, che prevede una linea di credito di 18 milioni di euro da rimborsare in 48 mesi, è finalizzata a supportare gli investimenti necessari al completamento del piano di sviluppo pluriennale di Car Server. Il nuovo finanziamento si iscrive nell’accordo stipulato con lo stesso pool di istituti bancari nel marzo 2011, che prevede l’attivazione di linee di credito da erogare in fasi successive per un importo complessivo fino a 60 milioni di euro, interamente destinato al sostegno del ciclo di investimenti dell’azienda. Il primo finanziamento in pool, del valore di 30 milioni di euro e sempre della durata di 48 mesi, era stato concesso alla firma dell’accordo (marzo 2011). “Un’operazione di grande rilievo in un momento come questo – dichiara l’amministratore delegato di Car Server, Giovanni Orlandini – che conferma il valore del piano industriale in cui siamo impegnati da oltre due anni e che stiamo portando avanti anche grazie alla fiducia accordata del sistema bancario, in una fase cruciale.Le esigenze di mobilità aziendale, infatti, richiedono investimenti che oggi le imprese vogliono sempre più evitare ricorrendo al noleggio; di qui il successo del nostro piano di sviluppo e l’importanza – in un momento così difficile – del ruolo svolto dagli operatori come Car Server nei confronti del sistema produttivo del paese”.Car Server Spa – con 100 dipendenti, oltre 3.000 clienti e una flotta di oltre 23.000 autoveicoli – è attiva nel settore del noleggio di flotte aziendali e gestione della mobilità a servizio delle imprese dal 1994. La società è controllata dal gruppo C.C.F.S. Soc. Coop., struttura di intermediazione finanziaria a cui aderiscono le principali cooperative italiane.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet