RE 25///2102 COLDIRETTI- Reggiani da Oscar Green


REGGIO EMILIA 25 LUGLIO Quando si tratta di tutelare prodotti a qualità controllata e a filiera corta, con produzione integrata rispettosa dell’ambiente e della salute realizzato secondo le regole della tracciabilità in modo che il consumatore possa conoscerne le origini a partire dai luoghi di coltivazione, la provincia reggiana è in prima fila.E proprio attraverso la valorizzazione di un prodotto tipico e tradizionale di casa nostra, il PAN DE RE, l’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Reggio Emilia, si è aggiudicato il premio Paese Amico alla finale regionale di Oscar Green, il premio per l’innovazione in agricoltura promosso da Giovani Impresa Coldiretti, con l’alto Patronato del Presidente della Repubblica e della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. “L’obiettivo che ci siamo dati nel pensare al Pan De Re – commenta l’assessore provinciale Roberta Rivi – è stato quello di promuovere le eccellenze del nostro territorio, richiamando ai valori di una agricoltura sana e della salute dei cittadini attraverso l’alimentazione valorizzando al contempo le tradizioni del buon cibo come espressione dei valori e delle eccellenze di un territorio. Da qui l’attuazione di progetti al fine di avvicinare il consumatore alle filiere produttive d’eccellenza 100% di origine reggiana.”Il primo prodotto è appunto il PAN DE RE, (pane dei re o pane di Reggio Emilia), il pane qualità controllata, nato sull’onda della necessità del consumatore di aver sempre più coscienza di ciò che consuma. La tradizione vuole che in origine si ottenesse il taglio centrale di questo pane con un colpo di gomito su ogni forma lievitata, pronta per essere cotta. Premio regionale per l’innovazione in agricoltura anche per due giovani imprenditori agricoli reggiani, Valentina e Saverio Denti dell’azienda agricola Mistico Speziale di Roncadella, che si aggiudica il passaggio alle selezioni nazionali del concorso oscar green. Punto Campagna Amica, Mistico Speziale produce Elisir e Liquori a base d’erbe con due condizioni: gusto originale e insolito e proprietà fitoterapiche che giovino al corpo e allo spirito.Quale attività può intraprendere un giovane laureato in tecniche erboristiche? Una laurea sostenuta da una vera e propria passione per l’assenzio e accompagnata da una grandissima curiosità verso le piante officinali e i loro vastissimi usi? La risposta l’ha trovata proprio Saverio investendo in agricoltura. In azienda vengono coltivate, raccolte ed essicate manualmente i prodotti necessari alla produzione degli elisir e per garantire un prodotto esclusivo e di qualità le erbe che non provengono dalla produzione aziendale vengono altamente selezionate all’ingresso. Obiettivo: riportare alla luce quelle preparazioni un tempo considerate “mediche” ma che con il passare del tempo sono andate scomparendo come l’Assenzio!Mistico Speziale partecipa con i propri prodotti al Mercato del Contadino che si svolge ogni sabato mattina in Piazza Fontanesi. Oltre all’assenzio e’ possibile trovare elisir alle spezie orientali, anice e liquirizia, basilico, menta e agrumi, cedrina e melissa, limoncello, cacao e menta, nocino, liquore mojito e rosolio di arancia. Alla festa finale di premiazione a Villa Due Torri, Bologna, hanno preso parte l’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, il direttore del dipartimento di Sociologia “Achille Ardigò” della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna, Giovanni Pieretti, il delegato regionale, Mattia Dall’Olio, il direttore e il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Gianluca Lelli e Mauro Tonello.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet